Incidente tra auto e due moto, morti carabiniere e moglie. Comandante dei vigili in fin di vita

Incidente tra auto e due moto, morti carabiniere e moglie. Comandante dei vigili in fin di vita
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Agosto 2021, 18:42

Un incidente spaventoso e una tragedia assoluta, quanto accaduto ieri sulla strada statale 106, all'altezza di Riace Marina (Reggio Calabria). Due coniugi, il brigadiere dei carabinieri Silvestro Romeo e sua moglieGiusy Bruzzese, sono morti. Ferito gravemente anche un comandante dei vigili urbani, Alfredo Fragomeli.

Milano, incidente in monopattino: 13enne in fin di vita

Portogruaro, morto l'agente di polizia Luigi Florean: fatale un incidente in moto

L'incidente

Silvestro Romeo, 52 anni, brigadiere in servizio per la compagnia di Locri, era residente a Roccella Jonica insieme alla moglie, Giusy Bruzzese, impiegata comunale. Il carabiniere, in sella alla moto, è morto sul colpo, mentre la moglie è morta questa mattina: lasciano un bambino di 12 anni. L'altra moto coinvolta nell'incidente era invece guidata da Alfredo Fragomeli, 45enne comandante della polizia municipale di Roccella Jonica, è invece in gravi condizioni. Ferita anche la moglie del comandante, la 47enne M.F., di Caulonia. I due coniugi feriti, ricoverati al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria, sarebbero comunque fuori pericolo.

Aperta un'inchiesta

 

Da una prima ricostruzione, i due centauri, che viaggiavano uno vicino all'altro, si sono violentemente scontrati - stando alle prime verifiche fatte dai carabinieri e dalla polstrada - con una Golf di grossa cilindrata il cui conducente, svoltando all'improvviso, avrebbe sbarrato la strada al brigadiere dei carabinieri, Romeo, e al comandante della Polizia Municipale, Fragomeli. La Procura di Locri, aprendo un'inchiesta, ha ordinato il sequestro dei tre veicoli e l'iscrizione nel registro degli indagati del conducente dell'auto.

«Tutti noi - ha sostenuto il sindaco di Roccella Ionica Vittorio Zito - stiamo vivendo un enorme dolore. Nessuno può essere pronto a tutto questo. Aiuta il conforto della fede e la ferma volontà di impegnarsi ancora di più per onorarne ogni giorno la memoria. Per Giusy e per Silvestro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA