Dora Lagreca morta, i messaggi all'amica: «Ormai litighiamo sempre». Il fidanzato in ospedale

I vocali della ragazza morta a Potenza: «Usa brutte parole, io non lo perdono»

Dora Lagreca, i messaggi all'amica: «Ormai litighiamo sempre». Il fidanzato in ospedale
di Pasquale Sorrentino
4 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Ottobre 2021, 07:18 - Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre, 09:59

Una perizia medico legale nell'ospedale San Carlo di Potenza per Antonio Capasso, il fidanzato di Dora Lagreca, indagato per istigazione al suicidio per la morte della trentenne. Ieri pomeriggio, alle 13, la notifica e poi intorno alle 15 il giovane 29enne di Potenza è stato accompagnato dal legale, l'avvocato Domenico Stigliani, da alcuni parenti e soprattutto dai carabinieri della Compagnia potentina in ospedale per essere sottoposto a una serie di controlli. Le visite, molto accurate, sono durate fino alle 17 quando Capasso ha lasciato il nosocomio ed è tornato a casa dei genitori accompagnato anche da uno zio. Si tratta, da quanto riferito dall'avvocato di Capasso, di un atto dovuto su disposizione della Procura.

Dora morta, le liti col fidanzato

 

Inoltre, il 29enne disoccupato è stato fotografato dai carabinieri, scatti che serviranno per ulteriori controlli per verificare se erano presenti graffi o ecchimosi. Questi esami si aggiungono ad altri esami di rito eseguiti nelle due ore di visite.

Dora Lagreca era nuda quando è caduta: spunta la foto con l'ultimo bacio


SEQUESTRI
Altri particolari emergono, poi, dal materiale sequestrato due giorni fa dai Ris nell'appartamento di via Di Giura, nella mansarda dalla quale la giovane ex modella è precipitata nella notte tra venerdì e sabato: sono stati portati via alcuni indumenti intimi di Dora Lagreca - che è volata da 12 metri completamente nuda - e alcuni medicinali. Essendo la casa di Capasso questi ultimi potrebbero essere dello stesso giovane. Inoltre i Ris hanno sequestrato circa due metri e mezzo di poggiamano lungo la ringhiera in cemento del terrazzino. Si cercano, in questo caso, tracce per comprendere dove, come e se Dora avesse poggiato le mani prima di cadere, così si potrà ricostruire la dinamica esatta della caduta e quindi avallare l'ipotesi più plausibile, se suicidio, omicidio o incidente. Gli esami dei carabinieri del Ris si concentreranno proprio sulla parte di copertura in alluminio nella prossima fase di indagine. E poi c'è l'autopsia. I periti nominati dalla Procura, il professore Biagio Solarino, anatomopatologo del Policlinico di Bari, e il dottor Aldo Di Fazio, primario del reparto di Medicina legale dell'ospedale potentino, hanno 60 giorni per consegnare la relazione conclusiva. Attesa, in questo caso, anche per gli esami tossicologici.

Dora morta a Potenza, il violento litigio con il fidanzato e quel post Fb contro la violenza sulle donne


Intanto gli inquirenti stanno lavorando anche sul rapporto tra i due fidanzati. Stavano insieme da circa dieci mesi, anche se c'erano stati diversi allontanamenti e poi riavvicinamenti. L'avvocato della famiglia della ragazza, il legale Renivaldo Lagreca, ha definito la storia d'amore tra i due come tumultuosa in una memoria presentata già nella giornata di domenica agli inquirenti.

 


I MESSAGGI
In questo contesto stanno circolando diversi audio di messaggi Whatsapp di Dora. La trentenne in diverse occasioni ha espresso alle sue amiche, dubbi sul rapporto con Capasso per degli insulti - stando alla voce di Dora nei messaggi - nei suoi confronti. «Mi sono lasciata, da lunedì non ci parliamo più. Troppe cose sono successe», dice a un'amica tra il 24 e il 25 settembre. E ancora alla stessa amica. «Ha sbagliato a parlare e ha usato brutte parole». A un'altra amica invece ha riferito sempre in un vocale di Whatsapp: «Io e Antonio in questo ultimo mese e mezzo stiamo litigando di più rispetto a prima. Prima cedevamo. Mi dice brutte parole e ora, rispetto a prima, non cedo e ci scontriamo. Lui usa brutte parole, anche se non c'è stato tradimento, non può fare così».

Dora Lagreca, caduta dal balcone dopo una lite con il fidanzato. Il sindaco di Montesano: «Non crediamo al suicidio»

Versione diversa invece da un amico di Antonio che conferma la forte gelosia nella coppia. «Quella sera non avevano litigato, Antonio ha anche detto che sarebbero venuti il giorno dopo alla festa. Nel loro rapporto c'era molta gelosia, soprattutto da parte di Dora verso noi amici. Una volta è entrata a casa ci ha visto e ha spaccato il vetro dell'armadio». L'amico ha anche ribadito che i due «litigavano molto e spesso per cose da niente, sono convinto non l'abbia picchiata mai».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA