David di Donatello, "Il traditore" di Bellocchio fa il pieno di candidature

Martedì 18 Febbraio 2020
Piefrancesco Favino in una scena de Il Traditore

Diciotto candidature per IL TRADITORE di Marco Bellocchio, quindici per IL PRIMO RE di Matteo Rovere e PINOCCHIO di Matteo Garrone, mentre MARTIN EDEN di Pietro Marcello ne ottiene undici. Questi i titoli che guidano la corsa nelle candidature alla 65esima edizione dei premi David di Donatello, annunciate stamani nella sede Rai di Viale Mazzini. Emerge su tutti, oltre al dato abbastanza prevedibile de IL TRADITORE di Bellocchio sulla storia di Tommaso Buscetta (già designato, senza fortuna, per gli Oscar), quello davvero straordinario de Il PRIMO RE, film eterogeneo e coraggioso che sembra aver colpito i 1600 giurati dell'Academy.

David di Donatello 2019, trionfa 'Dogman'. Premio a Borghi: "E' per Cucchi"

Tra gli altri film candidati, il suggestivo '5 Ô IL NUMERO PERFETTO di Igort che ha ottenuto nove candidature; SUSPIRIA di Luca Guadagnino con sei e, infine, BANGLA di Phaim Bhuiyan, IL SINDACO DEL RIONE SANIT· di Francesco di Leva e LA DEA FORTUNA di Ferzan Ozpetek con quattro nomination ciascuno. Nella cinquina dei miglior film IL PRIMO RE, IL TRADITORE, LA PARANZA DEI BAMBINI, PINOCCHIO e MARTIN EDEN. Per il premio al migliore attore, troviamo candidati Toni Servillo, Francesco Di Leva, Alessandro Borghi, Pierfrancesco Favino e Luca Marinelli. Sul fronte femminile sono in corsa, grazie ad un ex aequo, sei attrici: Jasmine Trinca, Valeria Bruni Tedeschi, Isabella Ragonese, Linda Caridi, Lunetta Savino e Valeria Golino. In corsa per la migliore attrice non protagonista: Valeria Golino, Anna Ferzetti, Tania Garribba, Maria Amato e Alida Baldari Calabria. Infine; per il migliore attore non protagonista: Carlo Buccirosso, Stefano Accorsi, Fabrizio Ferracane, Luigi Lo Cascio e Roberto Benigni.

Oscar 2020, trionfa Parasite: prima volta di un film straniero. Premi per Phoenix (Joker) e Zellweger (Judy)

«Non avere donne in gara nelle categorie di miglior film, miglior regia e miglior regista esordiente è una constatazione evidente - spiega Piera Detassis, presidente e direttore artistico dell'Accademia dei David di Donatello - commentando i candidati della 65/a edizione -. Non credo sia colpa del David, facciamo di tutto per riequilibrare le quote, ma penso ci sia un lavoro da fare a livello più profondo, produttivo, per cambiare le cose». Dice, infine, il direttore di Rai1 Stefano Coletta: «Questi David saranno per me un nuovo battesimo dopo Sanremo. Per tutti noi guardare i David è come guardare in tv gli Oscar, è una serata di grande autorevolezza e un'occasione per rimettere al centro tanti elementi cardine del servizio pubblico. Non è solo una vetrina confezionata nel miglior modo, ma vi si riflette la storia del nostro Paese». La cerimonia di consegna dei premi andrà in onda venerdì 3 aprile, in prima serata su Rai1.

Conquista Cannes "Il Traditore" il film di Bellocchio su Buscetta

​A lezione di cinema con Favino: «Da Craxi a Buscetta, così ho cercato di capire la loro essenza»
 

 

Ultimo aggiornamento: 16:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani