CORONAVIRUS

Coronavirus Veneto, positivi a quota 9.155. Morti 12 pazienti in ultime ore

Martedì 31 Marzo 2020
Coronavirus Veneto, altri 258 positivi: ora sono 8.159. Morti 12 pazienti nelle ultime ore

Salgono a 9.155 i casi di positività al Coronavirus in Veneto, la terza regione più colpita dall'epidemia in Italia. Lo rileva il bollettino della Regione Veneto. I decessi sono complessivamente 477. Oltre ai 448 morti registrati negli ospedali la Regione infatti conteggia per la prima volta anche quelli nelle strutture extra-ospedaliere, ad esempio nelle case di riposo. Stamane è stato diffuso anche il dato dei pazienti negativizzati virologici, che ammontano a 519. 

LEGGI ANCHE Coronavirus Italia, Locatelli (Css): in calo positivi e ricoveri in rianimazione. Riaperture? Ne riparliamo dopo Pasqua

I pazienti in terapia intensiva sono 356 (+2), i dimessi 828, i pazienti in area non critica 1680 (+14). Le persone in isolamento domiciliare sono 19.945. Le province che registrano il maggior numero di nuovi positivi sono Padova e Vicenza (+54 rispettivamente), seguite da Treviso (+52), Verona (+49) e Venezia (+37). Il Veneto è una delle Regioni che ha effettuato il maggior numero di tamponi, dietro solo alla Lombardia

LEGGI ANCHE Coronavirus Italia, Mappa contagio: i dati regione per regione. Contagi giù anche in Friuli Venezia Giulia e Umbria

Una patente che attesti di non essere contagiato. «Stiamo lavorando a questo piano, cioè fare dei test sierologici, mettendo a punto un protocollo, e che prevede il prelievo del sangue e la possibilità di testare  e verificare la presenza di anticorpi assieme a un  tampone negativo, ci indica che l'individuo è immunizzato: test che dovremo fare a tappeto, stiamo predisponendo il tutto, un piano che presenteremo nei prossimi giorni», ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia oggi a Radio Anch'io. E Zaia ha spiegato che «le restrizioni dure che ho deciso con la mia ordinanza, con la chiusura di tutti i punti vendita la domenica e la possibilità di uscire di casa fino a 200 metri ci hanno portato ad un oggettivo ritardo e ad un rallentamento del contagio che si traduce in minori accessi alla terapia intensiva e minori ricoveri», ha sottolineato.

Il bollettino del 30 marzo 2020

Ultimo aggiornamento: 15:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani