CORONAVIRUS

Coronavirus, Niccolò dimesso: «Felice di riabbracciare i miei genitori»

Venerdì 28 Febbraio 2020
Coronavirus, Niccolò dimesso: «Felice di riabbracciare i miei genitori»

«I miei genitori stanno arrivando a Roma. Sono felice. Non vedo l'ora di riabbracciarli». È quanto avrebbe detto Niccolò, il 17enne di Grado bloccato per due volte in Cina ma negativo ai test per il coronavirus e poi in isolamento allo Spallanzani, ai medici che lo hanno seguito in queste settimane. In giornata è previsto l'arrivo dei genitori del ragazzo e domani le dimissioni al termine delle due settimane di isolamento. «Ci ha stupito la sua forza», le prime parole della mamma del ragazzo. «E' sempre stato forse, non si è mai perso d'animo. Tornerà in Cina», dicono i genitori. «Il fatto che fosse assistito qui allo Spallanzani per noi è stata una grande garanzia. Hanno una marcia in più: Niccolò è diventato figlio di tutto», chiariscono ancora i genitori.

Coronavirus, Niccolò: «Bloccato da febbre? Rabbia sì, panico mai»

Coronavirus, Niccolò torna in Italia: test medici ok, volo in biocontenimento
 

 

Ultimo aggiornamento: 17:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani