CORONAVIRUS

Fase 2, le ordinanze regionali: dalle messe subito alla manutenzione alle seconde case

Lunedì 4 Maggio 2020
Fase 2, le ordinanze regionali: dalle messe subito alla manutenzione alle seconde case

Coronavirus, via alla Fase 2 in Italia con una babele di ordinanze regionali. Dispositivi normativi delle singole Regioni che vanno a toccare alcune specificità territoriali come, ad esempio, take away, amici, messe, seconde case, fiorai e addestramenti di cani e cavalli.

Fase 2: Milano, code alla stazione Centrale e più auto e passeggeri su bus e tram

Fase 2, Napoli riapre così: traffico in tangenziale, bus affollati ma metro scorrevole

 

Le ordinanze regionali

Piemonte, Torino frena sui take away
In Piemonte il contagio è in discesa ma molto lenta. Dunque la riapertura parte, nonostante il pericolo e il fatto che i medici sconsiglino. Aprono oggi le grandi fabbriche, con 80 mila metalmeccanici attesi al lavoro, e si rimettono in moto il 50 per cento dei trasporti. Che avranno una capienza circa del 30 per cento rispetto alla normalità di passeggeri. Obbligo di mascherina in tutti i luoghi chiusi, si torna a passeggiare all’aria aperta, accesso libero nei parchi, via libera alla ristorazione da asporto ma un’ordinanza del sindaco di Torino, Chiara Appendino farà aspettare la capitale piemontese fino al 9 maggio per la ristorazione da asporto.

Lombardia, aprono fiorai e cartolerie
La Lombardia e`sotto gli occhi di tutti. E’ la regione piu`colpita dal Covid. E la fase 2 sarà la più critica rispetto alle altre. Oggi riaprono i mercati all’aperto ma con ingressi scaglionati e obbligo di guanti e mascherine. Fuori dal lockdown anche studi professionali, cartolerie, librerie, fiorai. Si può andare a fare jogging ovunque, e non più entro i 200 metri da casa, e anche nei parchi che stamane aprono i battenti (ma ingressi limitati). I mezzi di trasporto Atm sono potenziati nelle corse ma a numero chiuso con una capienza limitata al 25 per cento. Il 18 maggio aprono i negozi e il primo giugno, se calano i contagi, toccherà bar e ristoranti.

Liguria, ok alla barca con gli amici
Si può andare in barca in Liguria da oggi. E non da soli, e non per forza con i congiunti: anche con gli amici. E già da lunedì scorso i liguri potevano uscire di casa più liberamente di altri. Sono autorizzate le passeggiate a cavallo, la pesca sportiva nelle acque interne e in mare, purche´ci si mantenga lungo i moli. Consentiti allenamento e addestramento di cavalli e cani. Oggi riaprono le fabbriche e gli uffici professionali. Un via libera che ha destato critiche: venerdì la Liguria ha contato 17 morti, prima in Italia per mortalità su centomila abitanti. Tanto che 81 sindaci hanno scritto a Toti invocando «cautela sul fronte sanitario».

Sardegna, messe da subito
Possono aprire, in Sardegna, gli esercizi di toelettatura degli animali da compagnia, purché il servizio venga svolto per appuntamento e non si verifichi un accesso contemporaneo di più clienti. A partire dall’ 11 maggio 2020 nei comuni con parametro dell’indice di trasmissibilità R uguale 0 inferiore a 0,5, il Sindaco, con propria ordinanza, potrà consentire la riapertura dei saloni di parrucchieri, estetisti e tatuatori. E’ consentito lo svolgimento della Santa Messa con l’osservanza degli obblighi di distanziamento, divieto di assembramento, l’obbligo di indossare le mascherine.

Veneto, seconde case, sì per manutenzione
L’ordinanza della Regione Veneto prevede l’obbligo dell’utilizzo della mascherina e dei guanti quando si esce dalla propria abitazione. Inoltre saranno possibili, all’interno dei confini regionali, gli spostamenti verso e dalle seconde case con la sola giustificazione della manutenzione. La stessa disciplina si applica anche per i camper e vale per proprietari e i locatari. Nella nuova ordinanza regionale è consentita anche la navigazione. Si potrà impiegare la barca anche per la pesca. Per quanto riguarda le biblioteche è stata autorizzata la loro apertura per la sola modalità del prestito.

Toscana, addestramenti di cani e cavalli
In Toscana è consentito l’addestramento e l’allevamento di cavalli e cani, con obbligo di rientro in giornata presso la propria abitazione. È permessa l’apertura degli esercizi di toelettatura di animali. Inoltre è consentito l’uso di imbarcazioni per attività sportiva e per la pesca amatoriale ad un massimo di due persone con rientro all’ormeggio in giornata. Sono state autorizzate tutte le attività necessarie a garantire la filiera della manutenzione e rimessaggio delle imbarcazioni da diporto quali, ad esempio, l’alaggio delle imbarcazioni o lo spostamento al cantiere all’ormeggio e viceversa.

 
 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 09:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani