"Uomini-gay-donne", bufera sul cartello del bagno in un lido di Ascea

Lunedì 26 Agosto 2019
3

"Uomo - gay - donne". La singolare indicazione per il bagno è comparsa in un lido di Ascea (Salerno), scritta in rosso su un cartello nel lido Uskilla. La denuncia è stata fatta sulla pagina Facebook dell'Arcigay locale: «Non abbiamo ben capito - ha dichiarato il Presidente di Arcigay Salerno Francesco Napoli - dove dovrebbero andare, ad esempio, le donne lesbiche, le persone trans, le persone bisessuali e tutte le altre categorie di persone che non si risconoscono negli uomini-gay e nelle donne. Tra l'altro non vedo nella foto una indicazione per il bagno destinato alle persone con disabilità. Questo ci induce a pensare che siamo di fronte ad un uso improprio, offensivo - probabilmente giustificato dalla goliardia - e irrispettoso delle categorie di genere e di orientamento sessuale. Di Questo uso improprio chiederemo immediate spiegazioni alla proprietà. Resta l'amarezza nel constatare questo ed altri accadimenti analoghi come resta alta la guardia e l'esigenza di una sempre più capillare formazione e informazioni, in particolare sui luoghi di lavoro».  

LEGGI ANCHE «Due ragazze cacciate da un bar per un bacio a stampo», bufera sulla gelateria.
Autista rifiuta di guidare il bus i colori del gay pride: «Promuove l'omosessualità». Sospeso

«Se hanno bisogno di una mano per scrivere le frecce per i bagni, e magari vogliono fare una cosa figa e trandy, bhe, possono semplicemente scrivere "bagni" anche perchè non vedo nesso tra le funzioni sfinteriche di ciascuno ed il proprio orientamento sessuale. Come credo che non interessi a nessuno cosa ognuno di noi va a fare in bagno, in piedi, seduto/a, di lato o in qualsiasi altra posizione, mi auguro possibilmente comoda per le finalità che si intenda raggiungere».

Grazie alle segnalazioni e alle proteste, la rimozione del cartello discriminatorio è stata fortunatamente effettuata.

Ultimo aggiornamento: 12:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani