MIGRANTI

«Domani dove mandiamo le scimmie?». Caporali sfruttavano i braccianti, 52 arresti

Mercoledì 10 Giugno 2020
1
«Domani dove mandiamo le scimmie?». Caporali sfruttavano i braccianti, 52 arresti

«Domani le scimmie dove le mandiamo?». Così i componenti dei due gruppi di caporali, italiani e stranieri, tutti assolutamente privi di scrupoli, definivano le centinaia di migranti di varia nazionalità che sfruttavano per effettuare lavori agricoli retribuiti con paghe da miseria e facendoli alloggiare in condizioni igieniche molto precarie. I due gruppi che costituivano l'organizzazione, composti rispettivamente da 47 e 13 persone, sono stati individuati e stroncati dalla Guardia di finanza di Cosenza, sotto le direttive della Procura della Repubblica di Castrovillari, con l'operazione «Demetra», che ha portato all'arresto in Calabria ed in Basilicata di 52 persone, 14 in carcere e 38 ai domiciliari, ed al sequestro di 14 aziende agricole, 12 con sede in provincia di Matera e due in quella di Cosenza.

Gallavotti: «Come ha cambiato le nostre abitudini la chiusura per il Coronavirus?»

Per altri otto indagati il Gip ha emesso la misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Secondo l'accusa, i titolari delle aziende avrebbero partecipato all'azione di sfruttamento di oltre 200 migranti (ma potrebbero essere stati nel tempo molti di più), utilizzandoli nelle loro aziende e traendo un consistente vantaggio dal risparmio sui costi della manodopera per la raccolta dei prodotti. Gli uomini venivano impiegati per i lavori più pesanti, mentre le donne erano addette all'attività meno faticosa della raccolta delle fragole. Il valore delle aziende sequestrate ammonta ad oltre otto milioni di euro. Sequestrati anche venti automezzi che venivano utilizzati per condurre i migranti nei campi di lavoro.

Fregate all'Egitto, Di Maio: «Trattativa non conclusa. Incessante richiesta di verità per Regeni»

Gli arresti e i sequestri sono stati fatti in esecuzione di un'ordinanza emessa dal Gip di Castrovillari, Luca Colitta, su richiesta del sostituto procuratore Flavio Serracchiani. L'indagine ha avuto origine dal controllo effettuato nei mesi scorsi dai finanzieri della Tenenza di Montegiordano di un furgone che, diretto nelle campagne lucane, percorreva la Statale 106 Jonica con a bordo 7 braccianti agricoli provenienti dalla Sibaritide. I finanzieri, prendendo spunto da quel controllo, hanno avviato un'attività d'indagine molto mirata. È stato possibile cosi identificare, in tempi rapidi, numerosi soggetti, italiani e stranieri (in particolare, di nazionalità pakistana, magrebina e dell'Est Europa) impegnati, hanno riferito le fiamme gialle, in un'organizzata e fiorente attività di sfruttamento illecito di manodopera di braccianti, il cosiddetto caporalato, appunto, e di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina nella piana di Sibari.

Stati generali, centrodestra compatto: «Non parteciperemo». Passa la linea Meloni

La struttura dell'organizzazione era composta da 16 caporali, che provvedevano al reclutamento della manodopera e ad organizzare l'intera attività di sfruttamento grazie anche ai loro rapporti con gli imprenditori-utilizzatori. Altri otto componenti dell'organizzazione collaboravano direttamente con i vertici del sodalizio. Dello stesso gruppo facevano parte poi i cosiddetti «utilizzatori», 22 persone titolari delle aziende agricole sequestrate che impiegavano i migranti per i loro scopi, mettendo in atto nei loro confronti comportamenti improntati a sfruttamento e crudeltà.

Migranti, una chiesa e una casa cantoniera trasformate in rifugi, nei guai 17 attivisti a Torino

Tra le persone finite ai domiciliari c'é un impiegato del Comune di Corigliano Rossano che, in cambio di cospicue somme di denaro, organizzava, secondo l'accusa, matrimoni «di comodo» finalizzati a garantire la permanenza sul territorio italiano di soggetti irregolari. Oppure a favorire, mediante permessi di soggiorno per ricongiungimento familiare, l'ingresso di soggetti residenti all'estero. Il Comandante provinciale di Cosenza della Guardia di finanza, col. Danilo Nastasi, ha detto, in conferenza stampa, che l'operazione ha consentito di porre fine ad una situazione di illegalità che rappresenta una vera e propria piaga non soltanto sociale, ma anche economica, perché falsa la leale concorrenza tra le imprese e lede profondamente la dignità umana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA