Rocca di Papa, scuole al via: tornano in classe anche i bimbi dell'elementare danneggiata dallo scoppio del 10 giugno

Lunedì 16 Settembre 2019
Rocca di Papa, scuole al via: tornano
in classe anche i bimbi dell'elementare
danneggiata dallo scoppio del 10 giugno

A Rocca di Papa hanno riaperto puntualmente tutte le scuole nella mattinata di oggi, dopo lo scoppio del comune del 10 giugno scorso dove anche parte della scuola comunale Centro Urbano venne danneggiata, e in seguito ai traumi riportati morirono il sindaco Emanuele Crestini e il delegato comunale Vincenzo Eleuteri . Commozione e aule piene in tutti i 5 plessi centrali e periferici,in particolare alla scuola elementare e media Cesare Battisti, dove sono state trasferite anche le classi dell'elementare danneggiata su Corso della Costituente. Sono intervenuti all'inaugurazione dell'anno scolastico anche il vice sindaco Veronica Ciimino, il comandante della polizia locale Gabriele Di Bella e alcuni consiglieri comunali, che hanno rassicurato le mamme, i genitori, le insegnanti e la preside Pierangela Ronzani, che a breve riaprirà anche la palestra del seminterrato, dove si stanno eseguendo dei lavori per la realizzazione di alcuni pozzetti per la ventilazione visto la presenza di radon ritenuta eccessiva.
I bambini delle elementari hanno indossato tutti una coroncina di alloro per salutare l'inizio dell' anno scolastico e hanno ricordato anche il sindaco e il delegato comunale scomparsi dopo il tragico scoppio del Comune dovuto a delle perdite di gas sotterranee interessato da  lavori di scavo e carotaggi. Sono intervenute anche le mamme del comitato genitori, che vigilano sulla sicurezza delle strutture, che hanno chiesto all'amministrazione un confronto continuo sulle condizioni delle strutture scolastiche, al fine di migliorare sempre la sicurezza dei bambini e di tutto il corpo docente e non docente.

Attualmente nella scuola " Leonida Montanari " di via Battisti ci sono circa 500 alunni, in attesa dei lavori alla scuola comunale centrale, dove erano ospitate 10 classi tra materna ed elementare. Il vice sindaco Veronica Cimino ha detto: «Capisco perfettamente la preoccupazione dei genitori, ma mi sento di dire che tutto è stato fatto rispettando le disposizioni di legge sulla sicurezza, prima di riaprire le scuole. E che la palestra della scuola Montanari è già interessata a dei lavori di sistemazione, a cui abbiamo destinato dei fondi elargiti per l'emergenza dalla Regione e che a breve riaprirà. Per quanto riguarda la scuola comunale centrale, è ancora sotto sequestro giudiziario per via delle indagini della magistratura sul tragico scoppio del giugno scorso. Abbiamo chiesto il dissequestro urgente dello stabile per iniziare i lavori di messa in sicurezza, che non sono molti, in quanto la struttura dopo lo scoppio del comune, ha subito solo danni lievi a qualche porta e finestra. Stiamo facendo tutto il possibile per riaprirla al più presto».

Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 11:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani