Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fluminense-Italia 3-5, vittoria alla Zeman:protagonisti Immobile e Insigne

Fluminense-Italia 3-5, vittoria alla Zeman:protagonisti Immobile e Insigne
di Ugo Trani
2 Minuti di Lettura
Domenica 8 Giugno 2014, 22:25 - Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 17:24

Dal nostro inviato

Volta Redonda - L'esame di ingresso al mondiale lo superano gli ex Under 21 davanti a ventimila spettatori che festeggiano l'Italia: Immobile (3 gol) e Insigne (2) si fanno trovare pronti a Volta Redonda (cento km a ovest di Rio), nel test contro il Fluminense, club dell'alta borghesia di Rio e secondo in classifica nel campionato brasileiro. Gli azzurri (di scorta) vincono insomma la prima gara del 2014 a sei giorni dal debutto contro l'Inghilterra, sabato pomeriggio a Manaus: 5 a 3, punteggio da spiaggia. Con i due attaccanti, zemaniani fino in fondo (nei movimenti e nelle idee), bene anche Darmian che si candida per prendere il posto di Abate, colpevole sui primi due gol dei tre incassati dalla nazionale. Luci e ombre, dunque. Parolo e Thiago Motta escono a testa alta dal campo. Non può fare lo stesso Perin che si perde il pallone e arrossisce quando lo ritrova in rete.

DIFESA FRAGILE

Abate è distratto e fuori condizione, Perin non può essere il vice Buffon. Prandelli verifica comunque tutti i centrali: inizia la coppia inedita Paletta-Ranocchia, chiude la più collaudata Barzagli-Bonucci. Spazio, per un'ora, alle riserve che mostrano di essere preparare sia a livello fisico che psicologico. Serviranno per la seconda gara del mondiale (Costa Rica) e anche per entrare in corsa. E avanti, anche contro il Fluminense, con il 4-1-4-1 che il ct considera utile per il mondiale. Almeno come sistema di gioco alternativo. Con due playmaker. Il primo è fondamentale: si abbassa tra i difensori centrali e diventa l'opzione in più. Il modulo, in fase offensiva, cambia, trasformandosi nel 3-4-2-1, con i terzini che si alzano a centrocampo e gli esterni offensivi che sono trequartisti o ali.

TOTO' GIA' RISERVA

Insigne e Immobile sfidano Cassano e Balotelli, entrati per mezz'ora con altri 6 titolari (il nono, solo nel finale: Candreva), e il quarto portiere Mirante. Ma Prandelli, al momento, si accontenta di schierare solo la prima punta, senza la seconda. Cassano non decolla e difficilmente sarà titolare a Manaus. Dietro a SuperMario, è probabile che il ct schieri Candreva e Marchisio.