Donna accoltellata in centro a Cassino, la lite per la droga. I residenti: «Ora basta, servono controlli»

I carabinieri hanno fermato il presunto aggressore, coinvolta anche una terza persona

Donna accoltellata in centro a Cassino, la lite per la droga. I residenti: «Ora basta, servono controlli»
di Alberto Simone
4 Minuti di Lettura
Martedì 8 Novembre 2022, 17:46 - Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 06:18

Lite in strada finisce nel sangue, donna accoltellata al torace: è grave. L'episodio si è verificato ieri pomeriggio, in una traversa di via Virgilio, a due passi dal centro di Cassino. Secondo una prima ricostruzione i due, tra i 25 e 30 anni, stavano litigando animatamente per motivi non ancora chiari, forse per questioni legati al mondo degli stupefacenti. Si accusavano a vicenda di fare uso di sostanze stupefacenti, ma non si esclude nessuna pista per quel che riguarda il movente, neanche quella passionale.

Certo è che nel corso della lite è spuntato un coltello e nella piccola traversa di via Virgilio è intervenuto anche un altro ragazzo, nel tentativo di difendere la donna. A nulla è servito. L'uomo infatti impugnando l'arma da taglio ha ferito la giovane al torace. Immediata la chiamata alle forze dell'ordine e al 118 da parte dei residenti. In via Virgilio sono piombati polizia e carabinieri. Il personale sanitario ha trasportato la ferita al pronto soccorso in codice rosso. Immediato il fermo dell'uomo che avrebbe accoltellato la donna. Al vaglio la posizione dell'altro ragazzo intervenuto nella lite, anche lui poco più che trentenne.

 

 

L'ARMA

L'arma da taglio è stata gettata in un'enoteca poco distante da dove è accaduto l'accoltellamento. Carabinieri e polizia hanno provveduto a fare i rilievi del caso. Sgomento e incredulità tra i residenti della zona nel vedere la ragazza riversa a terra mentre sanguinava: nessuno si aspettava che si sarebbe mai potuto arrivare ad un episodio del genere, ma l'allarme sicurezza è stato suonato più volte, proprio perché quella zona dove si è consumato l'accoltellamento viene ritenuta dai residenti una strada dove si spaccia a qualunque ora, anche in pieno giorno.

Per questo i riflettori degli investigatori che stanno compiendo le indagini sul caso si focalizzano soprattutto sulla droga e, più nello specifico, sulle questioni economiche per lo spaccio di sostanze stupefacenti: questo potrebbe essere il movente del diverbio nato tra i due che è poi degenerato nel sangue con una serie di fendenti inferti alla ragazza.

Video

IL RACCONTO

Il titolare dell'enoteca che si trova a poche decine di metri dall'accaduto, ha raccontato: «Poco prima delle 17, attratto dalle urla sono uscito fuori dal mio locale e ho visto che c'erano un ragazzo e una ragazza che litigavano animatamente e si davano dei rimproveri a vicenda, fino a quando si è passati alle minacce. Io poi sono entrato dentro per servire un cliente, quando sono uscito ho visto la scena: la ragazza accoltellata e il sangue a terra. Si tratta di persone che qui abbiamo già visto molte volte e che abbiamo anche segnalato: ci sono dei giri un po' strani in questa traversa di via Virgilio. Certo, episodi così gravi non si erano mai visti, però, c'era questo viavai continuo che lascia intendere che qualcosa di buono non accada nella traversa. Per questo motivo abbiamo sollecitato varie volte e oggi dalle urla sono addirittura spuntati i coltelli».

Accorati appelli sono stati fatti anche da altri residenti della zona, che sembrano infatti non meravigliati dell'accaduto. E spiegano: «Da tempo segnaliamo alle forze dell'ordine questi giri strani, ma i ragazzi agiscono indisturbati: non ci sono telecamere di videosorveglianza e i controlli sono pochi. Sarebbe ora di potenziarli e di vigilare maggiormente su questa zona viste le tante segnalazioni che abbiamo più volte fatte agli enti preposti».

Quello di via Virgilio non è però l'unico angolo della città di Cassino che richiede una maggiore sicurezza: ancora nello scorso weekend si sono registrate risse tra giovanissimi in pieno centro, liti che spesse volte vedono protagonisti anche i minorenni. Ormai da tanto, troppo tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA