Morto Thomas Rudy, il pistolero messicano di "Lo chiamavano Trinità"

Morto Thomas Rudy, il pistolero messicano di "Lo chiamavano Trinità"
di Gianpiero Pizzuti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Settembre 2021, 15:31 - Ultimo aggiornamento: 19 Settembre, 09:55

«Emiliano non parla. (gli viene infilata la pistola su per il naso) Emiliano dice tutto». Con questa frase nel film Lo chiamavano Trinità minacciato da Bud Spencer è entrato nella storia del cinema italiano. Vito Gagliardi, in arte Thomas Rudy, 80 anni, è morto ieri a Roma, pugliese di nascita, ma da anni cittadino di Fontana Liri, avendo sposato nella parte alta della città una fontanese doc.

Thomas Rudy, la carriera

Diversi i film come protagonista, poi nella sua lunga carriera solo seconde parti, ma è stato a fianco di Bud Spencer, Terence Hill, Lino Banfi, Edwige Fenech, Renzo Montagnani, Franco Nero e molti attori che hanno spaziato dalla commedia all'italiana agli spaghetti western degli anni '70. Abitava a Fontana Vecchia, ironia della sorte, proprio di fronte al muretto dove ci fu il primo ciak nel 1970 Per Grazia Ricevuta di Nino Manfredi. Lo scorso anno, durante la manifestazione dedicata al 50 esimo anniversario delle riprese del film, Thomas Rudy accolse la moglie Ermina ed il figlio Massimo Manfredi che scoprirono due targhe ricordo.

La beneficenza negli ospedali

«Ogni volta che decidevo di far beneficenza negli ospedali raccontò lo scorso agosto mi vestivo da messicano e Bud Spencer da pistolero ed andavamo per i reparti a strappar sorrisi ai bambini. Per questo Carlo era eccezionale (Carlo Petersoli in arte Bud Spencer), non si è mai fatto pagare tutto in beneficenza, altri attori mandavano i loro agenti a lucrare. E' stato un periodo bellissimo della mia vita, ma tutto ha un inizio ed una fine. Fontana Liri è un posto fantastico qui mi godo i miei nipoti, mi vogliono tutti bene, faccio avanti e dietro con Roma, ma questa ormai è casa mia».

Fontana Liri era pronta a omaggiarlo

L'amministrazione di Fontana Liri aveva in cartellone un omaggio a Thomas Rudy, con delle proiezioni dei suoi film nella piazza di Fontana Liri Superiore: «Avevamo avuto un incontro per delineare la serata agli inizi dell'inverno scorso, poi il covid ha rallentato tutto, ieri, poi, la brutta notizia - commenta il sindaco Gianpio Sarracco - Lunga la sua carriera cinematografica che lo hanno portato a recitare al fianco di tanti attori affermati tra le sue partecipazioni nei film ricordiamo Una moglie, due amici, quattro amanti, Scusi si potrebbe evitare il servizio militare? No, La moglie in bianco l'amante al pepe, La dottoressa ci sta col colonnello, La poliziotta della squadra del buon costume e poi i tanti ruoli nei Western come Bastardo vamos a matar, Django il Bastardo, Il suo nome è qualcuno ma soprattutto Lo chiamavano Trinità, con la straordinaria interpretazione di Emiliano della banda di Mezcal».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA