Camorra e politica, sequestrati alcuni terreni anche in provincia di Frosinone

Martedì 9 Giugno 2020

Sequestrati anche alcuni terreni situati in provincia di Frosinone nell'operazione dei Carabinieri del Ros che hanno eseguito un'ordinanza emessa dal gip di Napoli nei confronti di 59 persone, ad esito di un'indagine della Dda di Napoli sui clan Puca, Verde e Ranucci e sulle loro attività nel comune di Sant'Antimo.

LEGGI ANCHE ---> Napoli, camorra e politica, maxi blitz: tra i 59 arrestati i fratelli Cesaro, indagato anche il senatore di FI

Oltre ai provvedimenti restrittivi, tra i destinatari dei quali figurano i fratelli del senatore di Forza Italia
Luigi Cesaro, è stato notificato anche un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili per un valore stimato di 80 milioni di euro. 

LEGGI ANCHE ---> 

Si tratta di 194 unità, tra civili abitazioni, uffici, magazzini, autorimesse, nonché di 27 terreni, tutti ubicati
tra le province di Napoli, Caserta, Frosinone e Cosenza, 9 società e 3 quote societarie, 10 autoveicoli e 44 rapporti finanziari. Tra i beni immobili spicca la galleria commerciale di Sant'Antimo «Il Molino», i cui titolari formali sono i fratelli Cesaro

© RIPRODUZIONE RISERVATA