Statali, Bongiorno: prossima settimana provvedimenti su anticipo buonuscita

Giovedì 27 Giugno 2019
Statali, Bongiorno: prossima settimana provvedimenti su anticipo buonuscita

Il decreto e l'accordo quadro necessari per dare attuazione all'anticipo bancario sul Tfs, la buonuscita degli statali, «sono già stati predisposti e proprio la prossima settimana saranno conclusi gli ultimi approfondimenti tecnici». Lo afferma in una nota il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno.

«Stupiscono le polemiche di questi giorni sull'impegno del governo a favore dei dipendenti pubblici», sottolinea nel comunicato il ministro. «In particolare, vorrei ricordare - dice - che con il decreto legge 'quota 100' abbiamo posto fine a quella che le organizzazioni sindacali definiscono una discriminazione nei confronti dei dipendenti pubblici derivante dalla corresponsione differita del Tfr (misura restrittiva, mi preme sottolinearlo, certamente non ascrivibile a questo esecutivo)». Ecco che, spiega, «il nostro Governo ha previsto la possibilità di un'anticipazione bancaria del trattamento, nonché uno sgravio fiscale attraverso la riduzione dell'aliquota Irpef».

Per Bongiorno «la soluzione ha il pregio di neutralizzare» sia «gli oneri legati agli interessi connessi all'anticipazione
finanziaria (anticipazione massima di 45 mila euro)»; sia «il differimento temporale della liquidazione per chi non opta per il finanziamento, considerato che il Tfs o Tfr sarà corrisposto con una consistenza netta superiore grazie alla riduzione dell'aliquota Irpef».

Il ministro ricorda come le misure del decreto legge debbano essere attuate «attraverso l'adozione di un decreto del
presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il ministro dell'Economia e delle finanze, il ministro del Lavoro e
delle politiche sociali e il ministro per la Pubblica amministrazione, sentiti l'Inps, il Garante per la protezione dei dati personali e l'Autorità garante della concorrenza e del mercato».

Inoltre, «si aggiunge al decreto anche l'accordo quadro da stipulare tra il ministro del Lavoro e delle politiche sociali,
il ministro dell'Economia e delle finanze, il ministro per la Pubblica amministrazione e l'Associazione bancaria italiana, sentito l'Inps».

 

Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA