PD

Reddito di cittadinanza, via a fase due: perde mensilità chi non risponde alle convocazioni

Domenica 1 Settembre 2019 di Francesco Bisozzi
Reddito di cittadinanza, via a fase due: perde mensilità chi non risponde alle convocazioni

Reddito di cittadinanza, al via la fase due. Ma meno di un beneficiario su tre sarà obbligato a cercare lavoro. È quanto emerge dalle stime del ministero del Lavoro, secondo cui al momento risultano immediatamente attivabili 704.595 percettori del bonus. A partire da domani verranno convocati nei centri per l'impiego per siglare i Patti per il lavoro: la chiamata arriva a cinque mesi di distanza dal rilascio delle prime card per il reddito di cittadinanza, dunque con abbondante ritardo. I componenti maggiorenni dei nuclei che hanno avuto accesso al bonus anti-povertà che non risultano occupati e che non frequentano un corso di studi, stando a quanto stabilito dalla legge, dovevano essere convocati entro 30 giorni dal riconoscimento del beneficio. Risultato, chi ha ottenuto il sussidio ad aprile ha ricevuto per cinque mesi il reddito di cittadinanza senza dover fare nulla in cambio.

Evasometro, scatterà se il saldo in banca sarà più alto del reddito


 


LA REVISIONE
In vista del possibile accordo per un governo giallo-dem, il Partito democratico chiede ora ai pentastellati di rivedere la loro misura bandiera. Non è escluso che in futuro vengano inasprite le sanzioni nei confronti di coloro che non si presenteranno nei centri per l'impiego quando convocati o che, in seguito all'avvio del percorso di reinserimento occupazionale, non parteciperanno alle iniziative di orientamento e ai progetti indicati dagli operatori. Secondo i dati forniti dall'Inps, finora poco più di 922 mila famiglie hanno ottenuto il bonus dei grillini: nel complesso, il sussidio ha raggiunto circa 2,5 milioni di persone. Per il presidente dell'Istituto di previdenza sociale Pasquale Tridico, contrario a una revisione del reddito di cittadinanza, si tratta di numeri più che soddisfacenti. Ma a partire dal mese prossimo diverse migliaia di card potrebbero essere disattivate: a causa dei bassi importi erogati su molte delle tessere magnetiche in circolazione, si teme che i beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno ricevuto meno decidano all'ultimo di non presentarsi nei centri per l'impiego.

Quota 100 a rischio nel 2020. «Spesa eccessiva, troppi pensionati in Italia»

A chi diserterà il primo colloquio potrà essere sospesa l'erogazione del bonus per un mese. Una seconda assenza costerà al sussidiato due mensilità del reddito di cittadinanza. Dopo tre appuntamenti mancati senza giustificato motivo, il diritto al beneficio verrà revocato. Gran parte dei soggetti da avviare al lavoro risiede nelle principali regioni del sud Italia: circa il 65 per cento dei beneficiari ritenuti immediatamente attivabili proviene infatti da Campania (178.370), Sicilia (162.518), Calabria (64.057) e Puglia (50.904). Segue il Lazio, dove verranno convocate nei centri per l'impiego 37.939 persone.

Reddito di cittadinanza sarà modificato dal nuovo governo: ecco cosa cambierà

In Lombardia i soggetti beneficiari del reddito di cittadinanza che verranno chiamati a partire da domani per siglare i patti per il lavoro ammontano invece a 33.598. In Sardegna sono 30.638, nel Piemonte 30.273, in Toscana 21.922, in Emilia Romagna poco più di 16 mila, circa 14 mila in Veneto, altrettanti in Abruzzo, meno di 12 mila in Friuli Venezia Giulia, appena 9 mila nelle Marche, 8 mila sia in Liguria che in Basilicata, 6 mila in Umbria, 4 mila in Molise, 1.313 nella provincia autonoma di Trento, 585 in Valle d'Aosta e solo 197 a Bolzano. Nel Lazio, per esempio, un simile afflusso, avverte la Cgil Roma e Lazio, porterà presumibilmente a una paralisi dei centri per l'impiego.

I NAVIGATOR
Anche perché i navigator non sono ancora pronti per entrare in pista. Eccezion fatta per la Campania, dove gli assistenti voluti dal presidente dell'Anpal Domenico Parico attendono ancora di essere contrattualizzati, i tutor al servizio dei beneficiari del sussidio economico inizieranno, sempre a partire da domani, il training on the job nei centri per l'impiego, per essere formati. Dopodiché dovranno superare un ultimo test per ottenere il patentino da navigator. Nella migliore delle ipotesi, saranno pienamente operativi dal mese di ottobre.
 

Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 09:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma