REDDITO DI CITTADINANZA

Reddito Cittadinanza, Gualtieri e il governo blindano il sussidio: non si tocca

Mercoledì 19 Febbraio 2020

"Il Reddito di cittadinanza non si tocca". A mettere il sigillo su una delle misure più discusse ci ha pensato il Ministro dell'economia Roberto Gualtieri che durante il programma "Carta Bianca" su Rai3 ha blindato quello che è considerato il provvedimento bandiera del M5s, sottolineando che "sta contribuendo alla crescita ed è un efficace strumento di lotta alla povertà". Va invece "migliorato nella parte che riguarda le politiche attive".

"L'Iva non aumenterà" ha aggiunto il Titolare del Tesoro. "Eviteremo l'aumento sull'IVA, ma quello che è anche importante evitare è l'evasione sull'Iva", ha sottolineato. "È possibile una rimodulazione dell'IVA, ma non faremo una riforma complessiva e comunque l'imposta non aumenterà".

Più severo, invece, il giudizio su Quota 100 "ha dato una falsa soluzione e ora uno degli obiettivi del tavolo sulla riforma pensionistica sarà quello di evitare lo scalone che si verrà a determinare dopo che nel 2021 la Riforma Salvini andrà a scadenza", ha detto.

Dalla lotta all'evasione risorse per ridurre il cuneo - Altro capitolo centrale dell'azione di Governo il contrasto all'evasione che in Italia è pari a 109 miliardi, ha sottolineato il Ministro ricordando che proprio dal contrasto è arrivato per ridurre il cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti. Il Ministro è tornato poi a criticare la Flat Tax promossa dalla Lega di cui avrebbero beneficiato i redditi più alti, difendendo invece il sistema di progressività delle imposte applicati in tutti i grandi Paesi europei.

Dopo il semaforo verde del Ministro dell'Economia Gualtieri e del viceministro Antonio Misiani, il Reddito di cittadinanza incassa un altro endorsement. "Non è in discussione, nella misura in cui non ci sarà mai la disponibilità del Movimento 5 stelle a discutere la misura cardine della nostra attività politica", ha detto il Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in un'intervista a Radio24. "Come ha sottolineato Conte - ha aggiunto - la misura va valutata anche nell'evoluzione nel tempo: dai navigator ai centri per l'impiego che vanno fatti. Se ci sarà la necessità di inserire qualche elemento nuovo lo faremo, ma è impensabile tornare indietro".

 

Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio, 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA