Reddito di cittadinanza, parco acquatico offre 1.200 euro al mese ma non trova lavoratori

Venerdì 28 Giugno 2019
4
Reddito cittadinanza, parco acquatico offre 1.200 euro al mese ma non trova lavoratori

Trovare lavoratori stagionali diventa sempre più difficile per gli imprenditori, anche in Veneto, anche se il posto di lavoro si chama Caribe Bay, a Jesolo, in provincia di Venezia, uno dei parchi acquatici a tema famoso in tutta Europa. E alla base di questa difficoltà a trovare lavoratori stagionali sembra esserci il reddito di cittadinanza. L'allarme, dopo gli albergatori della località veneta, lo ha rilanciato il parco acquatico, sostenendo di non riuscire a reperire personale, puntando il dito contro il reddito di cittadinanza che, dicono gli amministratori del Caribe Bay, non sta aiutando.

Reddito cittadinanza, gestore cerca barista: «Offro 800 euro, ma è meglio guadagnare senza lavorare»

Reddito di cittadinanza, incassava l'assegno ma faceva l'usuraio
 

Reddito di cittadinanza piuttosto che lavorare, l'assessore Donazzan della Regione Veneto: «Scelta grave»«Ciò che viene segnalato dalla struttura turistica è grave e purtroppo era tra le preoccupazioni che fin da subito avevo sollevato. Ovvero che il Reddito di Cittadinanza fosse sfruttato per restare a casa, per percepire solamente l'indennità». Questa la reazione dell'assessore regionale al lavoro, Elena Donazzan, alla denuncia del titolare del parco acquatico Caribe Bay di Jesolo, che con i suoi 220 dipendenti rappresenta la struttura turistica più grande del centro balneare veneto, in difficoltà nel trovare personale per la stagione in corso. A differenza degli altri anni la struttura turistica non riesce a reperire stagionali neanche tra i giovani in cerca di prima occupazione, affermando di offrire stipendi da 1200 euro al mese.

«Farò monitorare tutte le proposte pervenute e a chi, per capire le ragioni di un rifiuto - ha continuato l'assessore -.  Purtroppo il sistema informativo creato e utilizzato da Anpal non è ancora a regime, pertanto non conosciamo ancora il rapporto che intercorre tra l'erogazione dell'assegno del reddito di cittadinanza e l'offerta di opportunità lavorative. Questo è al momento attuale un limite del reddito di cittadinanza, che le Regioni stanno osservando e rispetto al quale intendono intervenire».

Ultimo aggiornamento: 21:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA