Oro, il prezzo crolla (nonostante l'inflazione): da bene rifugio alla crisi, cosa sta succedendo?

«L'inflazione elevata e i disordini geopolitici dovrebbero essere l'ambiente ideale per l'oro», ha affermato il gestore degli investimenti di Aegon Robert-Jan van der Mark

Oro, il prezzo (stranamente) crolla: da bene rifugio a duro colpo per gli investitori, cosa sta succedendo?
4 Minuti di Lettura
Domenica 25 Settembre 2022, 17:33 - Ultimo aggiornamento: 20:55

Il crollo del prezzo dell'oro mette in crisi i mercati. Le quotazioni hanno toccato quota 1648,6 dollari l'oncia, un valore ai minimi da agosto 2020 (in piena pandemia) - in calo del 20% - quando viaggiava al massimo storico di 2.034 dollari. L'oro è da sempre considerato un bene rifugio e per questo motivo l'andamento al ribasso del prezzo rappresenta un caso anomalo. L'oro dovrebbe brillare in tempi difficili come questi, eppure è successo il contrario infliggendo in un duro colpo agli investitori. Normalmente infatti in tempi di crisi come questi gli investitori correrebbero per acquistarlo. Ma questo non sta accadendo. 

Crolla il prezzo dell'oro, cosa è andato storto?

«L'inflazione elevata e i disordini geopolitici dovrebbero essere l'ambiente ideale per l'oro» ha affermato (citato da Express.co.uk) il gestore degli investimenti di Aegon Robert-Jan van der Mark. «Eppure non è riuscito a catturare alcun vantaggio, portando gli investitori a mettere in discussione il suo ruolo storico nei portafogli». L'oro è stato sostituito come porto sicuro dal dollaro americano, con la valuta di riserva mondiale che quest'anno è salita alle stelle. Gli investitori si sono lanciati ad acquistare attività denominate in dollari per assicurarsi un rendimento migliore nel momento in cui la Federal Reserve statunitense si è dimostrata aggressiva aumentando continuamente i tassi di interesse. L'oro ha il prezzo in dollari e un valore forte della moneta Usa lo rende più costoso per gli acquirenti esteri con altre valute. 

 

Da bene rifugio al crollo di oggi

Van der Mark ha affermato che a livello globale oltre il 50% della domanda di oro proviene da acquirenti in Cina e India. «Il forte apprezzamento del dollaro americano è servito da vento contrario». Quando negli anni 70 l'inflazione imperversava all'inizio l'oro sottoperformò, ha dichiarato van der Mark. «Solo quando il dollaro ha iniziato a deprezzarsi, il prezzo dell'oro è aumentato. «L'oro non funziona», ha affermato David Henry, responsabile degli investimenti di Quilter Cheviot. «L'inflazione dilagante di quest'anno, le turbolenze geopolitiche, i timori di recessione e il sentimento del minimo avrebbero dovuto rappresentare l'ambiente ideale». La performance poco brillante dell'oro è un «grattacapo», ha aggiunto. «Negli anni 70 sconvolti dall'inflazione, l'oro era la classe di attività con le migliori prestazioni, apprezzandosi più di 10 volte in termini di dollari». 

I beni rifugio rivali

Fu allora che si guadagnò la reputazione di copertura contro l'inflazione, ma la verità non è così semplice, ha aggiunto David Henry. Quando l'inflazione è aumentata sia alla fine degli anni 80 che alla fine degli anni 90, il prezzo dell'oro non è aumentato in modo corrispondente. Eppure ha agito come un porto sicuro quando i mercati sono crollati dopo la crisi finanziaria del 2008, e di nuovo nel luglio 2011, quando la moneta unica europea sembrava sull'orlo del collasso. Oggi non è il caso. Henry ha sottolineato che il motivo principale per cui l'oro è crollato è che non genera reddito in un momento in cui i tassi di interesse stanno aumentando. Ciò lo rende meno attraente in quanto gli investitori possono ottenere un rendimento più elevato da obbligazioni e contanti di beni rifugio rivali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA