Manovra, Moscovici: «Dialoghiamo ma senza intesa sanzioni». Tria: «Divergenze con l'Ue ma dialogo continua»

Martedì 6 Novembre 2018
1

Il dialogo con Bruxelles sulla manovra italiana andrà avanti. Lo ha assicurato il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, al suo arrivo al palazzo del Consiglio europeo a Bruxelles, dove parteciperà alla riunione dell'Ecofin. Dialoghiamo ma senza intesa ci sono le sanzioni, ribadisce la commissione Ue.

LEGGI ANCHE Spread riavvicina quota 300, Piazza Affari in calo

«Le nostre regole» in materia di bilancio pubblico «possono sempre essere interpretate. E io stesso sono sempre stato» un sostenitore della «flessibilità, perché non bisogna avere un approccio rigido. Ma una cosa è essere flessibili, un'altra essere contro le regole», precisa il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici, a margine dell'Ecofin a Bruxelles. «La flessibilità - continua Moscovici - è stata sempre concessa, specie per l'Italia, nel quadro del patto di stabilità. Se sei fuori da quel quadro, allora non si tratta di flessibilità: sei fuori dalle regole bisogna fare qualcos'altro. La Commissione - ricorda - esiste per far sì che i trattati vengano applicati».
 


«Dobbiamo mantenere il sangue freddo, perché quello che mi aspetto» dall'Italia «è avere un documento programmatico di bilancio rivisto. Allora il dialogo andrà avanti», sottolinea il commissario europeo agli Affari Economici. Anche il debito pubblico, aggiunge, «deve essere monitorato. Ci aspettiamo anche risposte alla lettera inviata al governo italiano, che spieghino quali fattori rilevanti siano alla base di questo o quel movimento del debito». Con Roma, continua Moscovici, «avremo un dialogo anche su questo. Non speculiamo. Non sono mai stato uno che vuole che la procedura per deficit eccessivo sia una punizione: le sanzioni sono sempre un fallimento per le regole. Voglio un dialogo, ma le sanzioni possono esssere applicate, alla fine, se non raggiungiamo un accordo nel quadro delle regole».

Tuttavia, aggiunge il commissario, in questo momento «non parlo di sanzioni né dei passi ulteriori della procedura. Facciamo un passo alla volta. L'interesse dell'Ue è che l'Italia resti al cuore dell'Eurozona e il miglior modo per l'Italia di creare crescita è ridurre gli squilibri nella produttività. È anche una questione di investimenti». Tuttavia, continua, «una politica con un alto debito pubblico non è favorevole alla crescita». 

«Quando giochi a tennis - prosegue - se la palla tocca appena la linea, allora si può assegnare il punto, ma se è totalmente fuori dal campo, nessun arbitro, neanche un arbitro che non ci vede, può dire che c'è punto. Le regole sono lì per essere rispettate: ci può essere una certa flessibilità, ma non siamo qui per applicare le regole a metà. Non è così che funziona. Ecco perché - conclude Moscovici - mi aspetto una risposta forte dal governo italiano entro il 13 novembre. E continueremo a discutere tutto il tempo».

«Naturalmente abbiamo delle divergenze, ma questo non significa che non possiamo avere un dialogo costruttivo tra la Commissione e l'Italia. E' normale fra paesi membri e Commissione», ha spiegato Tria, ribadendo di fatto quanto emerso ieri in seno all'Eurogruppo, che riunisce i paesi dell'area euro. A un giornalista che chiedeva se l'Italia si senta trattata in modo ingiusto rispetto ad altri paesi, Tria ha poi risposto: «Dobbiamo spiegare questo alla Commissione; non voglio anticipare qui la risposta».

 

Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti