Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Italia, produzione industriale sopra le attese a settembre

Italia, produzione industriale sopra le attese a settembre
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Novembre 2021, 10:30
(Teleborsa) - L'Istat stima che a settembre 2021 l'indice destagionalizzato della produzione industriale sia aumentato dello 0,1% rispetto ad agosto, contro attese per un calo dello 0,1% e rispetto al -0,3% del mese precedente. Su base annuale si registra un aumento del 4,4%, rispetto al +4% del consensus e al -0,1% di agosto. Nella stima flash dell'Istituto nazionale di statistica viene sottolineato che il livello destagionalizzato dell'indice di settembre supera dell'1,5% il valore di febbraio 2020, l'ultimo mese prima della pandemia. Nella media del terzo trimestre il livello della produzione cresce dell'1% rispetto al trimestre precedente.

L'indice destagionalizzato mensile mostra un aumento congiunturale sostenuto per i beni di consumo (+3,3%) e una crescita più contenuta per l'energia (+1,3%) e i beni intermedi (+0,9%); viceversa, si osserva una diminuzione per i beni strumentali (-1,0%). Si registrano incrementi tendenziali marcati per i beni intermedi (+7,1%), i beni strumentali (+4,9%) e quelli di consumo (+4,5%); diminuisce, invece, il comparto dell'energia (-4,2%).

I settori di attività economica che registrano gli incrementi tendenziali maggiori sono la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+13,3%), la fabbricazione di macchinari (+11,4%) e la metallurgia e la fabbricazione di prodotti in metallo (+9,6%). Flessioni tendenziali si registrano nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-11,7%), nelle attività estrattive (-6,3%), nella fornitura di energia elettrica, gas, vapore e acqua (-5,0%) e nella fabbricazione di computer e prodotti di elettronica (-0,3%).
© RIPRODUZIONE RISERVATA