Nuovi finanziamenti per la cultura: ecco la linea del Credito Sportivo per la salvaguardia del patrimonio

Nuovi finanziamenti per la cultura: ecco la linea del Credito Sportivo per la salvaguardia del patrimonio
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Luglio 2021, 17:21

L’Istituto per il Credito Sportivo, dopo la pubblicazione del bando “Cultura Missione Comune” dedicato a Comuni, Città Metropolitane, Province e Regioni, lancia una nuova linea di prodotti di finanziamenti dedicati alle diverse esigenze dei soggetti pubblici e privati che operano nel mondo della Cultura, finalizzate alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale del nostro Paese. In qualità di banca sociale per lo sviluppo sostenibile dello Sport e della Cultura, il Credito Sportivo amplia così in maniera significativa il ventaglio delle opportunità e delle soluzioni offerte ai protagonisti del settore Cultura e al mercato del credito del nostro Paese, facendo interagire in modo virtuoso i nuovi prodotti con gli incentivi del Fondo per la Salvaguardia e la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, composto dai Comparti Garanzie e Contributi in conto interessi, promosso dal MIC e dal Ministro Franceschini.

I prodotti dedicati alla cultura

Con queste soluzioni si facilita l’accesso al credito a operatori che si impegnano quotidianamente per contribuire a valorizzare lo straordinario patrimonio culturale, rafforzandone il ruolo, l’utilità sociale e la dimensione economica nella società italiana. La nuova linea Cultura ICS prevede i seguenti prodotti:

Ordinario Cultura Privati e Ordinario Cultura Pubblici: finanziamenti a medio-lungo termine, dedicati alle iniziative per l’acquisto di attrezzatura dei beni culturali, alla realizzazione, ristrutturazione, conservazione, fruizione, valorizzazione, recupero e restauro del patrimonio culturale;

Cultura 4.0 Privati e Cultura 4.0 Pubblici: finanziamenti a medio e lungo termine, per progetti e iniziative finalizzati all’efficientamento energetico, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla messa a norma, alla protezione e alla digitalizzazione dei beni e del patrimonio culturale su tutto il territorio nazionale;

Light Cultura 2.0: finanziamento a medio termine, dedicato a finanziare piccoli lavori di manutenzione degli edifici e giardini storici vincolati ai sensi del “Codice dei beni culturali e del paesaggio” o di strutture destinate ad attività culturali o a esse strumentali su tutto il territorio nazionale, all’acquisto o restauro di beni culturali relativi all’attività culturale esercitata o acquisto di attrezzature e beni strumentali per una migliore fruizione dei beni o per la loro protezione e sicurezza;

Anticipazione Cultura Privati: finanziamento chirografario a breve termine, per finanziare lo svolgimento delle attività culturali quali ad esempio l’organizzazione di mostre, le rappresentazioni teatrali o altre attività caratteristiche. Le anticipazioni sono relative a contributi concessi da Stato, Regioni, Comuni o altri enti di Diritto Pubblico e a contratti di sponsorizzazione stipulati dai beneficiari con soggetti a elevato standing. In linea con la strategia della banca, l’offerta prevede particolare attenzione, in termini di condizioni, alle iniziative dalla forte valenza sociale.

Una delle notizie di oggi - scrive il Credito sportivo - è che da domani interventi, attività e progetti per la valorizzazione del patrimonio culturale italiano potranno contare su nuove opportunità finanziarie che il Credito Sportivo metterà a disposizione, anche collaborando con Regioni, Finanziarie Regionali, Fondazioni dei Territori e altri soggetti finanziari interessati a un necessario e proficuo “gioco di squadra”, necessario tanto più in questa fase storica, al servizio di iniziative delle quali sarà sempre più importante segnalare l’alto impatto sociale e certificare il contributo alla “sostenibilità” ad ampio spettro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA