CORONAVIRUS

Coronavirus, Von der Leyen: «No ai Covid-bond, Merkel ha ragione». Conte: «Non è lei che decide»

Sabato 28 Marzo 2020
10
Coronavirus, von der Leyen: «Niente coronabond, Merkel ha ragione» Per Italia Ue prevede piano ricostruzione

«L'obiettivo dell'Europa è sempre stato l'avvicinamento delle condizioni economiche» dei paesi membri. Lo dice la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, in un'intervista alla Dpa. «L'Italia non è colpevole della crisi esplosa col Coronavirus e viene colpita economicamente in modo molto pesante - afferma - e le imprese vanno salvate». «Per questo, come Commissione, abbiamo ricevuto il mandato dal Consiglio di elaborare un piano di ricostruzione. Questo è il binario sul quale stiamo lavorando», conclude.

Coronavirus, Italia in pressing su Merkel: l'ipotesi dei bond vincolati
Coronabond o Mes? Scontro in Europa: ecco chi sono i 4 Paesi nemici dell'Italia

Nella crisi del coronavirus la Commissione europea non pianifica l'emissione di bond propri sui debiti. Lo ha affermato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen in un'intervista alla Dpa. «Su questo ci sono chiari confini giuridici, e non c'è un piano. Non lavoriamo a questo», ha affermato. La von der Leyen sottolinea inoltre che «la parola coronabond è solo una sorta di slogan. Dietro c'è la grande questione delle garanzie. E su questo le riserve della Germania come di altri paesi sono giustificate».

La replica del premier Conte. «Non abbiamo fatto una proposta alla Commissione, ma all'Eurogruppo per elaborarla. C'è un dibattito in corso. Ma qui c'è un appuntamento con la storia e tutti devono essere all'altezza». Lo afferma il premier Giuseppe Conte in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, commentando il no della Commissione ai coronabond. «Non passerò alla storia per chi non si è battuto: mi batterò sino alla fine per una soluzione europea». E ancora: «Il compito della proposta non è rimesso alla presidente della commissione. Le proposte le elaborerà l'Eurogruppo».

«Le parole di Von Der Leyen» sui Coronabond «sono sbagliate». Quella indicata nella lettera dei nove capi di Stato europei «è la risposta più adeguata per uno shock simmetrico sull'economia e tutti devono essere all'altezza della sfida, anche la presidente della commissione europea». Lo dice il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

La correzione della Von der Leyen
«Come primo passo stiamo lavorando su una piena flessibilità dei fondi esistenti, come i fondi strutturali. Ciò fornirà immediato sostegno». È quanto si legge in una dichiarazione diffusa dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen in merito alle proposte per combattere gli effetti economici della crisi del coronavirus. Dichiarazione che segue le polemiche provocate da una sua intervista all'agenzia stampa Dpa.

«Il Consiglio Europeo ha incaricato l'Eurogruppo di presentare proposte entro le prossime settimane. La Commissione parteciperà in queste discussioni ed è pronta ad assistere, se sostenuta dall'Eurogruppo. Ciò è richiesto perchè lo spazio fiscale per nuovi strumenti è limitato dato che siamo nell'ultimo anno del quadro finanziario pluriennale», si legge in apertura della dichiarazione di von der Leyen sulle proposte per combattere gli effetti economici della crisi del coronavirus.

Ultimo aggiornamento: 23:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA