Colf e badanti, come cambia la lettera di assunzione: multe (salate) per chi non si adegua

Necessario indicare in modo dettagliato nella lettera di assunzione lo stipendio, le modalità di pagamento, la durata delle ferie. Ma non solo

Colf e badanti, come cambia la lettera di assunzione: multe (salate) per chi non si adegua
4 Minuti di Lettura
Domenica 9 Ottobre 2022, 17:39 - Ultimo aggiornamento: 17:40

Sempre più carte e informazioni. Con il nuovo Decreto Trasparenza scattano nuovi obblighi per la lettera di assunzione di colf, badanti e baby sitter. L’obiettivo, è quello di aumentare la tutela dei lavoratori domestici. Ma per il datori di lavoro le nuove assunzioni dovranno passare da un nuovo carteggio. Come si legge nel testo, è ora necessario indicare in modo dettagliato nella lettera di assunzione lo stipendio, le modalità di pagamento, la durata delle ferie, i diversi congedi e l’organizzazione dell’orario di lavoro. Ma non solo. Vediamo tutti i dettagli da sapere.

Bonus 150 euro a dipendenti, pensionati e autonomi: chi dovrà fare domanda (e chi lo avrà in busta paga)

Cosa inserire nel contratto

Attenzione, in caso di mancato rispetto dei nuovi obblighi si rischia una sanzione che può andare da 250 euro fino a 1.500 per ciascun lavoratore. Dunque, è meglio osservare con molta attenzione i nuovi paletti. Le regole, inoltre, si applicano anche a chi usa il “Libretto famiglia” ed escludono esclusivamente i rapporti di lavoro che prevedono una media di tre ore a settimana, calcolata in un periodo di quattro settimane consecutive. In più, la normativa non vale solo per i nuovi assunti, ma anche per i dipendenti già in servizio al 1 agosto 2022. Nel dettaglio, però, quali sono i dati da indicare a colf, badanti e baby sitter? Le informazioni che non possono mancare all’interno del contratto sono molteplici: identità delle parti, luogo di lavoro, inquadramento. Poi ancora livello e qualifica del lavoratore, tipologia di rapporto, durata del periodo di prova, durata delle ferie e di altri congedi retribuiti. Così come l’importo iniziale della retribuzione e le modalità di pagamento, la programmazione dell’orario di lavoro, la procedura e i termini di preavviso in caso di dimissioni e licenziamento. Ma bisognerà anche riepilogare i congedi retribuiti ai quali il lavoratore o la lavoratrice ha diritto. Per lo stipendio, poi, non basterà indicare il valore, ma sarà necessario anche inserire gli elementi costitutivi, come minimo tabellare, superminimo, indennità, modalità di versamento e periodo di pagamento.

Bonus 200 euro per partite Iva e professionisti. Come, dove e quando presentare la domanda

Il nodo dell'orario

Un paragrafo ad hoc dovrà essere dedicato all’orario di lavoro, con una specifica nel caso di orario prevedibile o imprevedibile. Nel primo caso, il datore di lavoro può semplicemente comunicare la programmazione, le eventuali condizioni dello straordinario e quelle per i cambi turno. Se invece l’orario è imprevedibile, il datore deve comunicare oltre alla variabilità della programmazione del lavoro, anche l’ammontare minimo delle ore retribuite garantite, le ore e i giorni nei quali il lavoratore è tenuto a svolgere le prestazioni e il periodo minimo di preavviso al quale ha diritto prima di iniziare a lavorare. Le assoziazioni dei lavoratori sono preoccupare e chiedono un periodo transitorio per dare alle famiglie il tempo di adeguarsi. I nuovi obblighi del decreto Trasparenza possono essere un problema per le famiglie che non sono assistite da un’associazione datoriale o da un professionista nel gestire il rapporto di lavoro domestico. Il rischio è che con un aggravio della burocrazia aumenti il lavoro irregolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA