Grecia, Merkel: «Se fallisce l'euro fallisce l'Europa». Italia esposta per 36 miliardi. Obama: riaprire il dialogo

Grecia, Merkel: «Se fallisce l'euro fallisce l'Europa». Italia esposta per 36 miliardi. Obama: riaprire il dialogo
4 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Giugno 2015, 14:01 - Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 08:34

«Se fallisce l'euro fallisce l'Europa». Lo ha detto Angela Merkel, mentre la Grecia rischia di piombare nel caos e uscire dall'euro. Crollano intanto le Borse - Milano chiude in calo del 5% - e si impenna di nuovo lo spread.

«L'Europa deve essere in grado di trovare un compromesso di fronte a ogni sfida», ha aggiunto. Banche chiuse intanto in Grecia fino al 7 luglio.

«Il punto è: il referendum greco non sarà un derby tra la Commissione europea e Tsipras, ma un derby dell'euro contro la dracma. Questa è la scelta», ha scritto su Twitter in inglese il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

L'esposizione dell'Italia nei confronti della Grecia è di «35,9 miliardi», precisa intanto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Su Twitter il ministro scrive che «circolano dati sbagliati su esposizione diretta Italia vs Grecia: tra prestiti bilaterali e garanzie (calcoli aggiornati ESM) è 35,9

miliardi».

La Grecia conferma che non pagherà domani la tranche di fondi che deve al Fondo Monetario Internazionale (Fmi). Lo afferma un funzionario del governo di Atene citato dal Wall Street Journal. La Grecia conferma che «non sarà in grado di restituire al Fmi 1,73 miliardi di dollari che deve entro martedì dopo la decisione di indire un referendum» afferma il Wall Street Journal, sottolineando che con il mancato pagamento Atene farà default con il Fondo.

Il pressing per riaprire i colloqui fra i creditori e la Grecia nel frattempo si fa sempre più forte. Oggi i presidenti francese e americano, Francois Hollande e Barack Obama hanno «convenuto di unire i loro sforzi per favorire una ripresa delle discussioni» sulla crisi greca, dopo una conversazione telefonica. È quanto si è appreso dall'entourage del capo di Stato francese. «Essi hanno convenuto di unire i loro sforzi per favorire una ripresa delle discussioni, permettere il più rapidamente possibile una risoluzione della crisi e assicurare la stabilità finanziaria della Grecia» ha dichiarato la stessa fonte dell'Eliseo. Già ieri Obama aveva parlato al telefono con Merkel.

Anche la Cina «ha interesse» che la Grecia rimanga nell'Eurozona. Lo ha detto il premier cinese Li Kequiang durante la sua visita a Bruxelles. «Chiediamo - ha aggiunto - ai creditori internazionali di raggiungere un accordo con Atene».

La conferenza dei capigruppo dell'Europarlamento chiede al presidente della commissione Ue Jean Claude Juncker di tenere nelle prossime ore un Eurosummit straordinario sulla Grecia.

«Sono rattristato dallo spettacolo che si è dato in Ue, la buona volontà è evaporata, egoismi e giochi tattici o populisti hanno avuto la meglio dopo tutti gli sforzi fatti, mi sento tradito perché non si prende in considerazione gli sforzi personali e degli altri», ha detto Juncker, che ai greci chiede di votare sì al referendum di domenica sull'offerta dei creditori: «Votare no vorrebbe dire che la Grecia dice no all'Europa», un voto contrario sarebbe «disastroso».

«Se fallisce l'euro fallisce l'Europa», ha detto Merkel. «L'Europa deve essere in grado di trovare un compromesso di fronte ad ogni sfida». «Se la capacità di trovare compromessi va perduta, anche l'Europa è perduta», ha detto la cancelliera.

L'Ue è «un progetto meraviglioso», ha continuato, sottolineando che questo può durare a lungo solo se solidarietà e responsabilità individuale stanno assieme. «Per questo si deve lottare per questi principi», ha ribadito. Certo si potrebbe cedere nella lite, ha aggiunto, senza tuttavia fare riferimento esplicito alla Grecia, «ma così nel medio e nel lungo periodo ci faremmo dei danni». Parlando all'assemblea dei conservatori tedeschi, la cancelliera ha poi invitato ad avere «coraggio», e «coraggio è anche la disponibilità a cambiare qualcosa», ha spiegato.

«Abbiamo presentato una buona offerta», ha sottolineato ancora Merkel rispondendo a una domanda sulla rottura delle trattative tra creditori internazionali e governo di Atene. Ma in vista del referendum con cui il 5 luglio il popolo ellenico si dovrà pronunciare su questa offerta, Merkel ha tenuto a precisare: «Nessuno vuole da fuori influenzare un popolo fiero come il popolo greco».

Gli «effetti sull'eurozona» dall'interruzione dei negoziati con la Grecia «sono limitati», ha scritto il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble in una lettera ai parlamentari tedeschi, visionata dall'agenzia Ansa. «I membri dell'eurozona hanno detto chiaramente che faranno di tutto per assicurare la stabilità dell'eurozona nella sua interezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA