Santa Marinella, i carabinieri forestali fermano i lavori di pulizia al fosso Castelsecco: danni all'ecosistema

Venerdì 5 Giugno 2020 di monica martini
La foce del fosso Castelsecco a Santa marinella
I carabinieri forestali di Civitavecchia hanno fermato i lavori di pulizia in atto alla foce del Fosso Castelsecco di Santa Marinella. L’operazione è scattata questa mattina a seguito dell’esposto presentato dal "Comitato 2 Ottobre" che aveva denunciato come le ruspe impegnate nella messa in sicurezza del torrente  stassero distruggendo, oltre che i canneti, anche i nidi di uccelli selvatici che ogni anno, proprio in questa stagione, si fermano nell'area.
La foce del Castelsecco è da sempre un habitat per molte specie volatili, quali aironi, garzette, gallinelle d’acqua, cannaiole, folaghe e germani reali. La scelta di intervenire con le ruspe a giugno, secondo il comitato, oltre che deleteria e in grado solo di creare un danno all’ecosistema fluviale,  sarebbe risultata inutile. Al termine dell’estate la vegetazione, presente sul greto del fiume e lungo gli argini, sarebbe comunque ricresciuta, creando rischi di possibili esondazioni, come avvenuto anche di recente.
Ben diversa la tesi sostenuta dal sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei, il quale ha ricordato la necessità prioritaria di mettere in sicurezza la foce di uno dei torrenti più pericolosi della città e l’esigenza anche di utilizzare, entro i termini, i fondi stanziati proprio per questa finalità e tutelare l’incolumità della popolazione residente nella zona a sud della cittadina balneare. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani