CORONAVIRUS

Civitavecchia, il porto diventa un centro di smistamento solidale

Venerdì 12 Giugno 2020 di Andrea Benedetti Michelangeli
Il gruppo di volontari e operatori delle imprese impegnati nella solidarietà
Ben 70 mila capi di vestiario in distribuzione alle organizzazioni umanitarie e non profit nazionali e internazionali. Avviene al porto di Civitavecchia, diventato un centro di smistamento solidale.
Dopo una lunga attività degli uffici giudiziari del Tribunale di Civitavecchia e della locale direzione delle Agenzie delle Dogane, infatti, grazie all'intervento di attori sociali e imprenditoriali lo scalo sta per avviare questa grande opera di aiuto.
A fronte  di una devoluzione gratuita acquisita dal Sovrano Ordine di Malta - Delegazione di Viterbo/Rieti - pigiami e indumenti sportivi sono pronti per essere consegnati ad associazioni caritatevoli in Italia e all'estero.
La governace vincente della solidarietà in porto è costituita da Protezione civile e dalle imprese "Grandi servizi e sollevamenti Srl" e "Agenzia ant. marittima Bellettieri & Co". Una grande macchina della solidarietà che che ha garantito un supporto eccezionale fatto di uomini, mezzi speciali e locali idonei per smistare gli indumenti da donare e inviare alle organizzazioni scelte.
Un esempio importante e un aiuto concreto in un momento difficile, frutto della sinergia tra pubbliche amministrazioni, enti impegnati nella solidarietà e imprenditoria. © RIPRODUZIONE RISERVATA