Gloria Satta
SUPERSTAR di
Gloria Satta

La magnifica avventura di Steno
quando la commedia faceva la storia

Mercoledì 4 Gennaio 2017
13
Non vedo l’ora di visitare la grande Mostra che, ospitata dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna, a partire da aprile celebrerà il centenario di Steno, grande regista della commedia italiana ed esponente di un mondo che non c’è più. Steno, all’anagrafe Stefano Vanzina, ha diretto capolavori della risata come “Un americano a Roma”, “Un giorno in pretura”, “Guardie e ladri”, “Febbre da cavallo”, “La patata bollente”, “Il tango della gelosia” e l’elenco potrebbe continuare all’infinito. Chiunque di noi ha visto un suo film e si è divertito con le grandi interpretazioni di Alberto Sordi, Totò, Aldo Fabrizi, Gigi Proietti e tanti altri: quelle gloriose commedie passano continuamente in tv e anche gli spettatori più giovani hanno imparato ad amarle.
Steno non è stato solo un grande artigiano del cinema. Ha fatto parte di un’epoca in cui gli intellettuali, i cineasti, gli attori vivevano a stretto contatto con la realtà e formavano una comunità compatta, coerente, coraggiosa. Il regista di “Un americano a Roma” aveva sfidato il Duce imitandolo alla radio e, volta riparato a Napoli, per sbarcare il lunario aveva messo su un business con il suo amico Dino de Laurentiis (che sarebbe diventato il più grande produttore del mondo): vendevano ai turisti l’acqua della Grotta Azzurra di Capri sigillata dentro bottigliette decorate dallo stesso Steno.
E sono i figli di Steno, Carlo ed Enrico Vanzina che hanno la commedia nel DNA e ne hanno fatto la loro ragione di vita, a raccontare queste storie meravigliose facendoci volare in un mondo affascinante, fecondo, popolato di artisti che hanno contribuito a risollevare l’Italia dalle macerie della guerra. Le loro commedie ci raccontano un pezzo di storia, la loro avventura artistica fa parte della storia di questo Paese.
E’ bello ricordarlo oggi che la commedia è diventato un “filone” come un altro e i suoi eroi pensano solo a sfidarsi al botteghino per arraffare più incassi possibili. Ultimo aggiornamento: 10:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA