Leone di montagna lo attacca, runner lo uccide a mani nude strangolandolo

Mercoledì 6 Febbraio 2019 di Alix Amer
3
Leone di montagna lo attacca, runner lo uccide a mani nude strangolandolo

Un runner ha strangolato e ucciso un leone di montagna a mani nude dopo essere stato attaccato e morso al volto e alla schiena. Una storia incredibile che sta rimbalzando in queste ore su tv e social. L’animale ha aggredito l’uomo alle spalle ai piedi della montagna Horsetooth, a nord-ovest di Denver (la capitale del Colorado). Il corridore, le cui generalità non sono state comunicate, è sopravvissuto alla lotta tra la vita e la morte nell’Hatetooth Mountain Open Space, un parco di montagna che si trova a meno di 70 miglia da Denver.

Correva su una pista quando il leone è sbucato all’improvviso avventandosi contro: lo ha morso e graffiato in viso, sulla schiena, gambe e braccia. A quel punto la reazione dell’uomo è stata incredibile: non avendo nulla per difendersi è riuscito a bloccarlo e a strangolarlo. «Dopo aver lottato e tentato di divincolarsi, mentre il leone lo azzannava ad un braccio e non lo mollava è riuscito a bloccarlo a terra e a soffocarlo», ha detto la portavoce di Colorado Parks and Wildlife, Rebecca Ferrell.

«L’animale è stato trovato a pezzi - ha continuato la  Ferrell - perché altri animali si sono nutriti del corpo. Abbiamo trovato la carcassa prima dell’arrivo degli ufficiali della fauna selvatica, ma si ritiene che fosse un maschio». Intanto il corridore è stato trasportato in ospedale con ferite gravi ma non mortali. Il resto del corpo dell’animale è stato recuperato vicino al sentiero, dove il runner aveva lasciato cadere alcuni oggetti e portato in un laboratorio del Colorado Parks and Wildlife per una necroscopia. «L’uomo ha fatto tutto il possibile per salvarsi e salvare la vita al leone, ma non è stato possibile», ha dichiarato Mark Leslie, Cpw Northeast Regional Manager. «Nel caso di un attacco, devi fare qualsiasi cosa in tuo potere per contrattaccare, proprio come ha fatto questo signore». «Le aggressioni dei leoni di montagna non sono comuni in questa zona ed è spiacevole che gli istinti di caccia del leone siano stati innescati dal corridore», ha detto in una nota Ty Petersburg, responsabile della fauna selvatica della zona del Cpw. 

Ultimo aggiornamento: 20:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma