Congo, Tarzan è libero: le immagini dello scimpanzé incatenato per 25 anni fanno il giro del mondo

Tarzan ancora in catene prima della liberazione (immagini pubbl su fb da ong Conserv Congo)
di Remo Sabatini
3 Minuti di Lettura

I suoi ultimi 25 anni li ha trascorsi con una catena al collo. Ecco, la vita di Tarzan lo scimpanzé, è tutta qui. O quasi. Sì perché, è notizia di queste ore, Tarzan è stato finalmente liberato da quella che era una vera e propria prigione. Ma cominciamo dall'inizio. Siamo a Bunia, città capoluogo della provincia di Ituri, nella Repubblica Democratica del Congo. Lì, in un quartiere povero e malfamato, oltre venticinque anni fa una famiglia acquista un cucciolo di scimpanzé e lo chiama Tarzan.

Il piccolo, devono aver pebsato, potrebbe aiutarli a sbarcare il lunario. Così, trovatogli un giaciglio di fortuna e una catena che non lo avrebbe mai più abbandonato, quel cucciolo comincia ad essere utilizzato per attirare i turisti di passaggio. Dieci dollari, la somma richiesta dai padroni della scimmietta a viaggiatori e curiosi.

Il leone africano sta sparendo: diminuiti del 90% in un secolo

Purtroppo per loro, però, Tarzan continua a crescere e quella catena lo rende sempre più irascibile. Tanto che, a un certo punto, non si avvicina più nessuno. Così, come una scarpa vecchia che non serve più, lo scimpanzé viene messo via in una specie di catapecchia. A fargli compagnia, l'immancabile catena legata al collo e al motore di un camion e alcool e sigarette. Sì, perché per calmarlo nei comprensibili momenti di aggressività, a Tarzan vengono offerte sigarette e alcolici che, nel tempo, lo rendono addirittura dipendente. Poi, quando tutto sembra perduto, ormai la fine della scimmia sembrava già scritta, ecco arrivare un team di volontari di Conserv Congo, la ong ambientalista di Kinshasa che, era inizio anno, vede e documenta le condizioni drammatiche dello scimpanzé.

And finally Tarzan is home at Lwiro, where he is expected to spend the rest of his life in a semi wild Environnement,...

Pubblicato da Conserv Congo su Lunedì 10 maggio 2021

Da quel momento è una corsa contro il tempo per cercare di liberarlo. La situazione non è facile, nella provincia c'è la guerra ma, grazie alla collaborazione della Polizia nazionale, del Ministero dell'Ambiente e del Santuario dei Primati di Lwiro, alla fine il team riesce a farsi consegnare finalmente Tarzan. Il resto è storia di poche ore fa. Lo scimpanzé infatti, è stato immediatamente trasferito nel santuario dove, in stato di semilibertà, vivrà gli ultimi anni della sua vita sereno e soprattutto senza più catene.

Martedì 11 Maggio 2021, 19:16 - Ultimo aggiornamento: 19:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA