La mucca Tilda fugge dal camion diretto al macello: graziata, ora vive felice in un pascolo

Lunedì 6 Luglio 2020 di Remo Sabatini
1
Il momento della fuga di Tilda (immagine diffusa da Villa Kuhnterbunt su Fb)

Lei si chiama Tilda e la sua storia sembra uscita da un libro di quelle fiabe che non si usano più. No, stavolta non ci sono zucche né topini e nemmeno fate ma soltanto un ruvido camion e tanta, tanta voglia di vivere. Siamo in Svizzera e il camion è uno dei tanti che trasportano gli animali al macello mentre la voglia di vivere appartiene ad uno di quei vitelli trasportati come merce che, stavolta non se l'è proprio sentita di diventare una bistecca. Cosi, durante un viaggio della morte qualunque di una giornata qualunque, la giovane Tilda, come sarebbe stata ribattezzata successivamente, ha tentato il tutto per tutto e prima di entrare al macello dove l'aspettava quel destino che qualcun altro aveva deciso per lei, si è fatta forza e si è lanciata. Come sia riuscita a saltare da quel camion di deportazione è ancora un mistero. Fatto sta che ce l'avrebbe fatta.

E allora eccola, indomita e ferita, farsi largo tra tutta quella gente che aveva assistito, mentre cerca di farsi strada e tentare una fuga disperata che, però, sarebbe durata ben poco. A quel punto, chi si sarebbe aspettato il solito tragico epilogo, sarebbe rimasto a bocca asciutta. Si perché, seppure non vi fossero topini né zucche in giro, una bacchetta magica deve esserci stata per forza. Tanto che, quel mattatoio svizzero, almeno per stavolta avrebbe contato un "cliente" di meno. La voglia di vivere e il coraggio dimostrato dalla giovane mucca che non voleva morire, poi, sarebbero stati addirittura premiati con la.migliore delle decorazioni al merito, la vita.

Gatto incastrato due giorni nel parafango di un'auto

Tilda, la mucca, è stata accolta in un santuario immerso nelle valli e le montagne svizzere. Lì, a Villa Kuhnterbunt, dove è arrivata pochi giorni fa, ha scoperto il pascolo e l'erba fresca e persino la compagnia di altri della sua specie. Infiocchettata come fosse arrivata da un altro mondo, è stata destinata a trascorrere il resto della sua vita in quell'angolo di paradiso dove certi camion, non possono nemmeno transitare. "La vicenda di Tilda, ha commentato l'animals influencer Enrico Rizzi, è la dimostrazione che ogni essere vivente vuole vivere. La storia di Tilda, che ha lottato con tutte le sue forze per non morire, deve farci riflettere".
 

Ultimo aggiornamento: 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA