Cani con le stellette in pensione: un appello per sostenere le cure

Martedì 22 Ottobre 2019 di Marco Pasqua
Cani con le stellette in pensione: un appello per sostenere le cure

Sono più che degli amici: perché sono quelli che, in questi casi, possono anche salvare la vita ai loro compagni umani. Sono i “cani con le stellette”, quelli che per una vita lavorano fianco a fianco degli uomini, con sprezzo del pericolo e con un intuito e un fiuto che, il più delle volte, sono infallibili. Ma cosa succede a questi cani quando vanno in pensione? Per sostenerli e per far sì che possa essere prevista per loro una adeguata assistenza sanitaria, ecco che scende in campo l’Ente nazionale protezioni animali, con la presidente Carla Rocchi. In questi giorni ha inviato una lettera al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, chiedendo l’impegno del dicastero affinché «venga reintrodotta nel provvedimento correttivo al riordino dei ruoli al vaglio delle commissioni parlamentari, o nel primo veicolo legislativo utile, la nota espunta che prevedeva l’assistenza sanitaria per i cani in pensione».

LEGGI ANCHE --> Angela, salvata dal canile-lager tra maltrattamenti e indifferenza

«Il sodalizio storico tra uomo e cane trova nell’Esercito una delle realizzazioni più esemplari - sottolinea la Rocchi - si deve difatti alla collaborazione tra gli animali e i militari il successo di molte operazioni che hanno salvato vite umane». «Il debito che il nostro Paese ha nei confronti di queste straordinarie creature è dunque incalcolabile», evidenzia la missiva.
marco.pasqua@ilmessaggero.it

Ultimo aggiornamento: 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma