Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuola, nei menù anche grilli, formiche e locuste. Studio britannico: «Proteine perfette per i bimbi»

Scuola, nei menù anche grilli, formiche e locuste. Studio britannico: «Proteine perfette per i bimbi»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 12:33 - Ultimo aggiornamento: 13 Giugno, 12:52

Larve di mosca, grilli, locuste, formiche, vermi della farina: almeno duemila specie di insetti commestibili del mondo potrebbero diventare le nuove proteine da inserire nei menù delle mense scolastiche destinati ai bambini delle elementari. Una equipe di docenti dellUniversità di Cardiff e dell’Uwe di Bristol stanno infatti portando avanti uno specifico studio per sostiuire nei pasti dei piccoli alunni le proteine della carne e della soia attraverso altri alimenti più sostenibili ed ecologici. Gli esperti del Regno Unito stanno sperimentando pasti a base di insetti come bachi da seta e larve saltate in padella, che potrebbero sostituire il pollo, il pesce e la soia.

Larve e insetti, nuove proteine per i bimbi

Nelle intenzioni dei ricercatori inglesi c'è l'inserimento nel menù dei bambini delle elementari di un prodotto chiamato VeXo, che combina insetti e proteine ​​vegetali e sembra un quasi un sugo convenzionale. Il dottor Christopher Bear, della School of Geography and Planning dell'Università di Cardiff spiega l'obiettivo dello studio: «Vogliamo che i bambini pensino alle proteine ​​alternative come cose reali per ora, piuttosto che solo come alimenti per il futuro, quindi provare alcuni di questi alimenti è fondamentale per la ricerca». Il dottor Bear ha sottolineato che «gli insetti commestibili, fanno parte della dieta di circa due miliardi di persone in tutto il mondo e fanno parte di tradizioni culinarie di lunga data»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA