Operaio 48enne si toglie la vita nella casa terremotata

Operaio 48enne si toglie la vita nella casa terremotata
di Tito Di Persio
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Giugno 2021, 09:55 - Ultimo aggiornamento: 10:05

Terremotato e noto fungarolo si toglie la vita a 48 anni. Corrado Renzi era originario della frazione di Paranesi di Rocca Santa Maria, ma dopo il terremoto del 2016, che aveva gravemente lesionato la sua abitazione resa inagibile, si era trasferito a Teramo. Il 48enne, di professione operaio, l’altro ieri aveva detto alla moglie che andava al Ceppo a prendere i funghi, sua grande passione, e che avrebbe pernottato nella casa a Paranesi, per fare un’ulteriore battuta all’alba del mattino seguente.

Luogotenente dei carabinieri forestali si spara in caserma: temeva di essersi ammalato
All’ora di cena, la moglie lo chiama al telefono per sapere come era andata la giornata. Lui non risponde. Lei preoccupata chiama suo padre che vive ancora in zona e gli chiede di controllare se il marito era rientrato. L’anziano trova la porta chiusa: suona il campanello, chiama il genero urlando il suo nome, ma nessuno risponde. A quel punto richiama la figlia e le dice di andare lì il prima possibile con le chiavi di casa. La donna durante il viaggio allerta i soccorsi. Sul posto ad attenderla i carabinieri della locale stazione e un’ambulanza del 118. Quando apre la porta, all’ingresso c’è una scena agghiacciante: il marito morto. Per il 48enne non c’è stato nulla da fare. La moglie ha riferito che il marito aveva perso il lavoro ed era angosciato. Il pm Silvia Scamurra ha dato subito il nulla osta per la sepoltura. La notizia ha sconvolto i tanti teramani che lo conoscono e che non avrebbero mai pensato a un gesto così estremo. «Ricordo Corrado la prima volta che l’ho visto - racconta l’amico Angelo - ero al Ceppo con il mio cestino vuoto che non dava segni per riempirsi. Vidi da lontano questa sagoma, e mi accorsi subito dei suoi modi gentili perché mi salutò senza conoscermi. Mi chiese come va la raccolta? Lui che aveva la gerla quasi piena, e mi consigliò un colle poco distante. Fu un bel raccolto». Corrado lascia la moglie e due figli. I funerali domani alle 10 nella chiesa del Cuore Immacolato in piazza Garibaldi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA