Simone Santoleri, il giallo del tentato suicidio. Il carcere: solo ingestione di farmaci

Simone Santoleri, il giallo del tentato suicidio. Il carcere: solo ingestione di farmaci (foto NEWPRESS)
di Teodora Poeta
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Dicembre 2021, 08:42

All’indomani della sentenza d’Appello che ha confermato la condanna inflitta già in primo grado a Simone Santoleri a 27 anni di reclusione per l’omicidio e la soppressione del cadavere della mamma, la pittrice teatina Renata Rapposelli, si scopre che dal carcere di Pescara, dove proprio Simone era detenuto fino alla scorsa settima, smentiscono il suo tentativo di suicidio. L’episodio è avvenuto il 7 dicembre, ma dal penitenziario nessuno ha dato la tempestiva comunicazione né al suo legale, né tanto meno al garante regionale dei detenuti o alla compagna di Simone, il cui nome è stato indicato per tutte le comunicazioni.

Detenuto evade dal carcere di Bari: ingoia una lametta, dà una testata a un poliziotto e poi fugge

Oggi, dopo molte insistenze, chi di dovere è venuto a conoscenza direttamente dalla direttrice del carcere di Pescara che, agli atti, non risulta un tentativo di suicidio, ma si parla, è scritto tutto nero su bianco, di «ingestione di farmaci non identificati». Simone, insomma, una settimana fa sarebbe finito in ospedale e dimesso dopo più giorni di ricovero per essersi preso, sì, dei medicinali, ma non per un tentativo di suicidio. Una situazione comunque non normale in carcere, perché anche raccontata in questo modo resta la domanda sulla disponibilità dei farmaci non identificati che un detenuto non dovrebbe avere con sé in quelle quantità. Dopo essere stato dimesso, Simone è stato trasferito nel carcere di Viterbo, così come da comunicazione che aveva ricevuto proprio quel martedì e che sarebbe alla base del suo gesto.

Pescara, scavalca il muro del carcere e scappa: ricercato 21enne accusato di rapina a Roma

Il difensore di Simone è pronto ad impugnare il trasferimento, ma prima bisogna capire perché sia stato fatto. A quanto pare è stato Simone stesso a farne richiesta, ma un anno fa, per incompatibilità con altri detenuti come oggi scrive la direttrice del penitenziario al garante, e in seguito ad un episodio di aggressione da parte di un altro detenuto marocchino. Richiesta che, come previsto dall’ordinamento penitenziario, eventualmente sarebbe dovuta essere accolta subito e non adesso a distanza di tutto questo tempo quando ormai Simone si era più che ambientato, lì aveva iniziato gli studi universitari e fino all’altro giorno aveva persino il giudizio in secondo grado ancora in corso nella stessa regione oltre ad avere il difensore. Tutti elementi che non consentono il trasferimento senza un giustificato motivo. Adesso, in attesa di conoscere le motivazioni dell’Appello per il ricorso in Cassazione, quello che preoccupa di più è lo stato psicologico di Simone che dopo aver lasciato il penitenziario di Pescara sta molto giù «perché ormai lì si sentiva come a casa», conferma il difensore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA