Santo Stefano, casa e soldi agli under 40: la notizia finisce sulla Cnn

Giovedì 22 Ottobre 2020

L'AQUILA - I residenti sono solo 115 , quasi la metà ha più di 65 anni e solo in 13 ne hanno meno di 20: e così il Comune di S.Stefano di Sessanio ha deciso di puntare sui giovani offrendo fino a più di 40 mila euro ed una casa a coloro che vorranno spostare lì la residenza ed avviare un'attività.

Il paese abruzzese, incantato borgo inerpicato alle falde del Gran Sasso, è già noto per aver lanciato diversi anni fa l'iniziativa dell' albergo diffuso, divenuto molto noto in Italia e all'estero che, in particolare durante i week end, anima di turisti i bei vicoli. Ma non è bastato. «La situazione attuale non consente di disporre del capitale umano necessario per uno sviluppo sostenibile e duraturo del territorio», spiega l'amministrazione che ha quindi deciso di attrarre nuovi residenti «che possano essere avviati ad attività coerenti con gli obiettivi di sviluppo del Comune»

.

 

Il progetto prevede la concessione di un contributo mensile a fondo perduto per tre anni fino ad un massimo di 8.000 euro all'anno, la messa a disposizione di un'abitazione ad un affitto simbolico e un contributo a fondo perduto, fino ad un massimo di 20.000,00 euro, una tantum per l'avvio dell'attività imprenditoriale.

La proposta è rivolta a tutti i cittadini non residenti nel territorio comunale, italiani o comunitari, o cittadini di paesi terzi in possesso di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo rilasciato a tempo indeterminato (già «carta di soggiorno») di età non inferiore agli anni 18 e non superiore ai 40 che intendano trasferire la loro residenza, per un periodo minimo di 5 anni, nel Comune di Santo Stefano di Sessanio e avviarvi un'attività imprenditoriale tra quelle individuate come prioritarie dal Comune: guide (turistica, sportiva/culturale), informatori, addetti alle pulizie;manutentori; esercenti negozio drugstore; recupero e commercializzazioni delle produzioni agroalimentari tipiche locali e loro commercializzazione. Attenzione, se italiano, chi si trasferisce deve provenire da Comuni con un numero di residenti non inferiore a 2000 residenti. I cittadini stanchi della vita in città sono avvisati.

Ultimo aggiornamento: 10:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA