Trovate ossa sulla Maielletta, nella stessa zona sparì il fotografo Valerio D'Ettorre

Valerio D'Ettorre Trovate ossa sulla Maielletta, nella stessa zona scomparve il fotografo Valerio D'Ettorre
1 Minuto di Lettura
Lunedì 17 Agosto 2020, 22:37 - Ultimo aggiornamento: 22:41

Trovate ossa sulla Maielletta, nella zona dove furono trovate le ultime tracce di un fotografo scomparso nel 2015. Un escursionista ha segnalato la presenza di ossa, verisimilmente umane, nei pressi del bivacco Carlo Fusco a oltre 2.400 metri di quota sulla Maielletta, in provincia di Chieti. Al caso stanno lavorando i carabinieri della Compagnia di Chieti e nella giornata di domani, condizioni meteorologiche permettendo, i resti saranno recuperati da unità specializzate dei carabinieri che effettueranno la repertazione.

Quella del ritrovamento delle ossa è la zona in cui cinque anni fa, nell'ottobre del 2015, venne visto per  l'ultima volta il fotografo di Chieti Valerio D'Ettore, scomparso a 59 anni, e del quale, nonostante le ricerche condotte con personale a terra ed elicotteri, non si è mai trovata traccia. Le ricerche furono sospese il 15 ottobre del
2015. Secondo alcune testimonianze raccolte all'epoca, D'Ettore, che viveva da solo a Chieti, nel bivacco aveva trascorso un paio di notti. Il suo caso è stato archiviato come allontanamento volontario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA