ROMA

Maestro di sci romano trovato morto in casa: da un anno nessuno lo aveva più visto

Venerdì 24 Aprile 2020
Maestro di sci trovato morto in casa a un anno dalla sua scomparsa
Trovato morto a quasi un anno dalla sua scomparsa. Era sparito nel nulla Furio Lescarini, 61 anni, romano, maestro di sci, alto, fisico altetico, con la residenza in una piccola frazione di 77 abitanti, Roccacerro di Tagliacozzo. Generazioni di ragazzi sono cresciuti con le sue lezioni di sci. Noto in Abruzzo, sulle piste del Terminillo e soprattutto al Nord  - Folgarida, Madonna di Campiglio - dove andava a lavorare quando la stagione invernale in Abruzzo era finita e dove aveva intenzione di trasferirsi. Gli amici lo chiamavano "La freccia della Salaria"

Pescara, 59enne muore a Pasqua: nel palazzo in quarantena nessuno se ne accorge

Lo hanno trovato nella sua casetta di Roccacerro dove era stato visto passare per l'ultima volta - dicono in paese - undici mesi fa. Si era fatto accompagnare nella frazione di Tagliacozzo da un amico: «Devo sbrigare una cosa, poi riparto per il Nord», aveva detto e nessuno lo aveva più visto. A dare l'allarme è stato un amico di Roma che da tempo non riusciva a mettersi in contatto con lui: «Non so dove sia e da tempo non lo vedo, è strano. Non è da Furio, andate a vedere nella sua casa di Roccacerro», ha riferito alle forze dell'ordine. Ieri la scoperta del corpo in avanzato stato di decomposizione: era sul letto in una casa senza segni di effrazione, nel portafoglio c'erano i soldi, sul comodino scatole di medicinali. I carabinieri stanno svolgendo indagini. Sul corpo non ci sono apparenti segni di violenza. Si sospetta un malore ma non si esclude neanche un gesto volontario. Il pm Lara Seccacini della procura di Avezzano ha disposto l'autopsia per verificare le cause del decesso, l'esame con ogni  probabilità si farà lunedì prossimo. Pare che l'uomo non abbia parenti. La salma è stata portata all'obitorio dell'ospedale di Avezzano.

A dare la sconvolgente notizia in serata è stato il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio che in un lungo post su Facebook racconta il dramma di Furio, rimasto solo dopo la morte dei genitori e molto legato alla madre. «Sembra incredibile che nessuno si sia accorto di nulla» commenta sui social una conoscente. Una morte che ha destato profondo dolore tra Roma, Abruzzo e le più famose piste di sci del Nord dove Furio era di casa.




«A volte qualcosa non funziona, anche nelle Comunità più piccole come le nostre. E allora è possibile che accada di dimenticare, di non accorgersi, di distrarsi. Furio Lescarini, classe 1959, è stato un uomo al quale la vita forse non ha riservato una piena realizzazione, forse non ha avuto il massimo della fortuna e del successo - scrive il sindaco di Tagliacozzo - Con la morte del papà e della mamma gli erano rimasti solo gli amici, quegli amici che dall’alta Italia, dove si recava a fare scuola di sci, o da Roma hanno lanciato l’allarme a gennaio scorso perché non avevano avuto più alcun contatto. E l’ultima volta che a Roccacerro lo si era visto in giro e persone gli avevano parlato è stato esattamente un anno fa: a Pasqua 2019. Poi nulla più. Quindi, a distanza di dodici mesi, oggi, la triste scoperta della sua morte, a casa, da solo. Non sappiamo se per morte naturale o forse un suicidio. Quello che sappiamo è che resta di lui un ricordo affettuoso e triste. Un uomo che in tanti hanno conosciuto e apprezzato per le sue qualità di sportivo di amante della montagna e di persona onesta, buona. È morto da solo Furio, chissà quando, chissà quanti mesi fa e il rammarico della comunità di Roccacerro è grande come il loro cuore: saranno i roccatani ad offrire un decoroso funerale e una degna sepoltura a Fuorio. Ai sentimenti di cordoglio di chi lo ha conosciuto e di chi gli ha voluto bene si uniscono quelli dell’amministrazione comunale e i miei personali».  Ultimo aggiornamento: 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA