Bombe a mano e mitragliatore nell'arsenale in auto: forse preparavano l'assalto a un blindato

Bombe a mano e mitragliatore nell'arsenale in auto: forse preparavano l'assalto a un blindato
di Alfredo D'Alessandro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Marzo 2019, 09:36

Con una bomba a mano si può fare tanto, anche lontano da uno scenario di guerra: se la fai esplodere sotto un blindato portavalori, lo sventri e lo puoi svaligiare. Se devi aprire la porta blindata di una banca la sfondi senza troppi problemi. D'altronde, basti vedere la deflagrazione provocata dai 52 grammi di tritolo che ognuna delle due bombe a mano conteneva e che sono state fatte brillare dopo il sequestro sull'arenile (come prevede la normativa italiana per gli ordigni attivi con spoletta), per tradurre il potenziale offensivo dell'intero arsenale da guerra sequestrato ieri mattina a Montesilvano (Pescara) dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Chieti.

Erano le 7 quando hanno bussato alla porta di F. U., 65 anni, pluripregiudicato, un passato da ristoratore e precedenti per associazione a delinquere, estorsione e traffico di droga: l'uomo vive solo in un appartamento con parcheggio nel condominio, un luogo che non dà nell'occhio e che permette di agire nell'ombra. I carabinieri stanno facendo servizi di appiattamento e intercettazioni già da qualche tempo, poi ieri notte notano l'uomo che deposita un borsone in una Fiat Panda grigia. Ma per operare in sicurezza i carabinieri decidono di agire quando F.U. è dentro casa, dove non viene trovato nulla: le armi erano nell'auto, per giunta sotto sequestro amministrativo, posteggiata sotto l'abitazione: dentro il borsone oltre alle due bombe a mano di provenienza serba, c'erano un fucile mitragliatore PM 56 di fabbricazione iugoslava copia del più famoso MP 40 tedesco calibro 9 parabellum che usano le truppe avio lanciate, due pistole seimautomatiche di cui una con matricola abrasa ovvero una calibro 9 corta e una 7.65, due caricatori per fucile mitragliatore e due per le pistole. E soprattutto munizionamento calibro 7.62 per 39 che è il munizionamento non del fucile mitragliatore ma del AK 47 ovvero il Kalasnikov: il che fa presupporre agli inquirenti che in giro ci sia un Kalashnikov che probabilmente si sarebbe unito al resto dell'arsenale.

E per fare cosa è presto detto: probabilmente l'assalto imminente ad un furgone portavalori. F.U., finito in carcere per detenzione di armi e munizionamento da guerra e materiale esplodente, al momento dell'arresto non ha detto una parola. Qualcosa in più sui suoi contatti potrà arrivare dall'esame del computer e dei telefoni che gli sono stati sequestrati a casa. I carabinieri di Chieti, ieri a Montesilvano si è recato personalmente il comandante provinciale, colonnello Florimondo Forleo, sono arrivati a lui indagando su rapine a banche e gioiellerie commesse di recente fra le aree chietina e pescarese. E dopo una serie di attività tecniche e di pedinamenti sono risalti a colui che si riteneva potesse custodire le armi. Si parte dall'assunto, infatti, che con certe armi non si va in giro ma che, se vuoi usarle per un colpo, le devi avere in zona e devi poter contare su un basista. E così, se il commando decide di agire, arriva, prende le armi, mette a segno il colpo e le restituisce al basista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA