Brusca libero, Guarnotta: «Sulle stragi di mafia non è stato detto tutto»

Brusca libero, Guarnotta: «Sulle stragi di mafia non è stato detto tutto»
di Saverio Occhiuto
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Giugno 2021, 08:21 - Ultimo aggiornamento: 09:53

Un amico dell'Abruzzo, che lo ha più volte insignito del Premio Borsellino, ma soprattutto un fraterno amico di Giovanni Falcone, che ha affiancato nel pool antimafia di Palermo. Inevitabile chiedere a Leonardo Guarnotta come ha vissuto la liberazione di Giovanni Brusca per “fine pena”, l'ex braccio destro di Totò Riina che il 23 maggio del 1992 stringeva tra le dita il timer di Capaci.


Qual è stata la sua prima reazione a questa notizia?


«Diciamo che non ci ha colto di sorpresa. La liberazione di Brusca è dovuta a un decreto legge del '91 pensato per contribuire a rompere il velo di omertà sui fatti gravissimi di quegli anni. Certo, parlare di “permesso premio” in questo caso fa un certo effetto, soprattutto se pensiamo ai familiari delle vittime. Anche in considerazione del fatto che l'uomo d'onore può collaborare, per convenienza o altro, ma non si pente mai. Da Cosa nostra si esce solo con la morte».


Già, ma come si racconta ai ragazzi delle scuole un personaggio che si è autoaccusato di aver sciolto nell'acido un bambino di 11 anni?


«Nel caso di Brusca è tanto più esecrabile se si pensa che lui ha ammasso di aver tenuto sulle sue ginocchia il piccolo Giuseppe Di Matteo quando aveva l'età di 5 anni. Solo una belva può fare una cosa del genere. Ecco perché oggi la sua liberazione appare un provvedimento ingiusto. Dall'altra parte c'è l'esigenza dello Stato di tutelare gli interessi generali e i collaboratori hanno consentito di fare un salto di qualità nella lotta alla mafia e al terrorismo».


Qual è il pezzo di verità ancora da scrivere sulle stragi del '92?


«Non è stato detto tutto. Il 23 maggio sono stato come ogni anno sotto l'albero di Falcone. La mia speranza è che qualcuno depositi un giorno la verità che dobbiamo a Giovanni, Paolo e tanti altri. Occorre scoperchiare quel vaso di Pandora che passa anche anche da una certa omertà dello Stato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA