Arsenale in un furgone
a Pescara: un arresto a Busto Arsizio

Arsenale in un furgone a Pescara: un arresto a Busto Arsizio
1 Minuto di Lettura
Mercoledì 18 Marzo 2015, 12:23 - Ultimo aggiornamento: 12:24

PESCARA - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara hanno notificato stamani a un pluripregiudicato, detenuto nella casa circondariale di Busto Arsizio un'ordinanza di custodia cautelare per i reati di concorso in detenzione illecita di armi e munizionamento da guerra e ricettazione. I fatti di cui deve rispondere riguardano il rinvenimento di un arsenale avvenuto oltre un anno, i primi di febbraio, a Pescara. Il mezzo fu trovato dai carabinieri, coordinati dal capitano Claudio Scarponi, in via Giovannucci, ai colli, parcheggiato in strada e aperto, con quattro armi all'interno: due kalashnikov Ak47, un fucile a pompa e una pistola marca Bloc, tutti con i caricatori inseriti. Nei kalashnikov c'erano 30 colpi, nel fucile a pompa 4 colpi. Nel borsone con le armi anche due giubbini antiproiettile, due passamontagna, un paio di guanti da cantiere e un paio di pantaloni, oltre a una tanica con del liquido infiammabile e una miccia artigianale, il tutto accompagnato da un santino. Le armi avevano la matricola abrasa e i carabinieri, dopo il rinvenimento, hanno subito avviato gli accertamenti, anche sul mezzo. Il furgone era stato rubato nel Teramano, a Martinsicuro, e presumibilmente il ritrovamento ha consentito di sventare un assalto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA