Fernando prenota e va a vaccinarsi a 100 anni. E' nato nel periodo della spagnola

Fernando prenota e va a vaccinarsi a 100 anni. E' nato nel periodo della spagnola
di Teodora Poeta
3 Minuti di Lettura
Domenica 30 Maggio 2021, 08:17

Si è prenotato da solo sulla piattaforma delle Poste e, accompagnato dal figlio 78enne, ieri mattina, si è presentato all’hub di Montefino (Teramo) per ricevere la prima dose del vaccino anti Covid. La vera sorpresa per tutti è stata scoprire la sua età: 100 anni compiuti lo scorso 30 marzo. Fernando Campana, originario di Milano ma da ormai da quarant’anni residente in contrada Mallo di Penne in provincia di Pescara, ha così stupito medici e infermieri che lo hanno accolto per la vaccinazione. A loro ha raccontato la sua storia con i ricordi dei racconti dei suoi genitori che hanno vissuto la febbre spagnola, sconfitta proprio l’anno prima che lui nascesse. Ed è stato grazie a loro che ha potuto studiare e laurearsi in Ingegneria.

Poi, però, dopo 33 anni di professione e due figli ha deciso di lasciare e dedicarsi alla terra. In Abruzzo, a contrada Mallo di Penne, ha creato un’azienda agricola insieme a sua moglie che è recentemente scomparsa a 102 anni. Qualche giorno fa, da solo, si è registrato sul portale delle Poste perché sa bene l’importanza della vaccinazione per sconfiggere il Covid e, ieri mattina, ha ricevuto all’hub di Montefino la prima dose di Pfizer. Ad accompagnarlo c’era suo figlio 78enne. «Sono stato io a compilare la sua scheda anamnestica – racconta il sindaco di Montefino, nonché medico e coordinatore dell’hub, Ernesto Piccari -. Ad un certo punto mi sono meravigliato quando ho visto la data di nascita e in un primo momento ho pure creduto che ci fosse stato un errore». Quel 1921, infatti, si pensava che fosse stato confuso con il 2021, l’anno in corso. E invece no, perché Fernando Campana è nato il 30 marzo di 100 anni fa.

«E’ un signore pimpante e arzillo», conferma Piccari. Dopo la vaccinazione insieme si sono fatti una fotografia perché non accade tutti i giorni di ricevere un paziente della sua età. L’ingegner Campana ha anche detto di essere contento di essersi potuto vaccinare e ha fatto i complimenti alla Asl per l’organizzazione dell’hub di Montefino. «Siamo felici di questo – replica il sindaco – perché noi ci stiamo mettendo tutto il nostro impegno. Abbiamo sfiorato quota 5mila vaccinati in un’hub che funziona solo con i medici volontari oltre agli infermieri e agli amministrativi mandati dalla Asl». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA