Il video-testamento di Priebke: «I partigiani comunisti volevano la rappresaglia»

Giovedì 17 Ottobre 2013
Priebke nel video-testamento

ęL'esecuzione fu terribile ma impossibile dire noĽ. Lo ha detto Erich Priebke nel video-testamento diffuso oggi dal legale Paolo Giachini. L''ex Ss fa riferimento all'esecuzione alle Fosse Ardeatine a Roma cui partecip√≤ in prima persona il 24 marzo del 1944, eccidio in cui vennero uccise 335 persone.

Il video-testamento si intitola ¬ęGuai ai vinti¬Ľ. In apertura, infatti, si legge: ¬ęErich Priebke - Intervista sulla sua autobiografia - Vae victis¬Ľ. L'ex Ss appare nel video seduto davanti a una libreria. Indossa una camicia azzurra con sopra un gilet scuro. Parla spedito in italiano con un forte accento tedesco.

Priebke nel video dice che Schutz, l'organizzatore della rappresaglia dopo l'attentato di via Rasella in cui vennero uccisi 33 militari tedeschi, disse: ¬ę√ą un ordine di Hitler, chi non lo vuole fare √® meglio si metta dalla parte delle vittime e verr√† fucilato¬Ľ. ¬ęIl capitano Shultz fu eletto da Kappler come organizzatore della rappresaglia, lui era gi√†stato in guerra nel fronte contro i russi ed era pi√Ļ abituato alla morte e alle rappresaglie. Per noi, per me e gli altri, era una cosa terribile¬Ľ, continua l'ex capitano delle Ss. ¬ęNaturalmente non era possibile rifiutarsi¬Ľ, dice Priebke in un altro passaggio.

L'ex capitano delle Ss afferma poi che i Gap (Gruppi di azione patriottica), i gruppi di partigiani organizzati dal Partito Comunista, che ¬ęfecero attentato contro compagnia polizia tedesca, erano uomini dell'Alto Adige, dunque italiani. Sapevano che dopo l'attentato viene la rappresaglia¬Ľ. ¬ęKesserling aveva messo l'avviso che la rappresaglia seguiva gli attentati -insiste Priebke -. Loro fecero ci√≤ a proposito perch√© pensavano che la rappresaglia poteva provocare una rivoluzione della popolazione¬Ľ.

¬ęCome credente non ho mai dimenticato questo tragico fatto. Per me l'ordine di partecipare all'azione fu una grande tragedia intima. Penso ai morti con venerazione e mi sento unito ai vivi nel loro dolore¬Ľ, sono poi le parole che Priebke disse in aula nel processo del 1996, come testimonia il video.

¬ęPriebke ha incontrato, in forma privata, familiari di alcuni caduti delle Fosse Ardeatine: non √® vero che Priebke non si √® pentito¬Ľ, ha detto l'avvocato dell'ex ufficiale delle Ss in un'intervista alla radio web Oltreradio.it. L'avvocato ha rivelato che Priebke ¬ęsi √® incontrato con quattro parenti di vittime delle Fosse Ardeatine, con cui ha stretto una buona amicizia e loro gli hanno esternato con chiarezza il loro perdono¬Ľ.

¬ęGiammai nella vita. Non √® mai successo. √ą una balla grossa quanto una casa!¬Ľ. Cos√¨ Giulia Spizzichino, ebrea di 86 anni con alle spalle una famiglia sterminata ad Auschwitz e alle Fosse Ardeatine, commenta le parole del legale dell'ex Ss. ¬ęPriebke mi ha rovinato la vita - aggiunge -. Semmai potrei perdonarlo io per quello che ha fatto a me. Ma non sono autorizzata a farlo anche per loro¬Ľ.

¬ęIl tentativo di Erich Priebke di scaricare sui partigiani l'eccidio delle Fosse Ardeatine √® assurdo¬Ľ. Cos√¨ Ernesto Nassi, vicepresidente vicario dell'Anpi di Roma, commenta le parole del criminale nazista. ¬ę√ą risaputo che i tedeschi odiavano i romani perch√© non collaboravano - aggiunge - Miravano a creare le condizioni perch√© nei romani si sviluppasse un comportamento contro la Resistenza, ma questo non √® mai avvenuto, anzi nella Resistenza ci furono nuovi ingressi. Quella romana, va ricordato sempre, √® stata una grande Resistenza¬Ľ.

L'esponente dell'Anpi tiene a sottolineare inoltre che ¬ęi Gap non erano tutti comunisti, come li definisce Priebke nel video. Inoltre i partigiani fecero numerose azioni contro i tedeschi a Roma. Io ero molto amico di Rosario Bentivegna (il partigiano che partecip√≤ all'azione di via Rasella, ndr): non si aspettavano, dopo via Rasella, che √® stata un'azione militare e non un attentato perch√© eravamo un paese occupato, una risposta del genere. Altro che rappresaglia, quello delle Fosse Ardeatine √® stato assassinio in piena regola¬Ľ.

Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 14:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani