Trump, lo staff a Obama: «Non prenda iniziative in politica estera»

Il team del presidente eletto Donald Trump ha ammonito Obama, alla vigilia del suo viaggio in Europa, a non fare passi rilevanti in politica estera durante la transizione perché potrebbe «mandare segnali contrastanti». «Sulle questioni grandi, trasformative in cui il presidente e il presidente eletto non sono allineati, non penso che sia nello spirito della transizione tentare di far passare punti dell'agenda contrari alle posizioni» di Trump, ha confidato a Politico un suo consigliere per la sicurezza nazionale.

Intanto l'amministrazione Obama ha sospeso i suoi sforzi per far passare al Congresso l'accordo di libero commercio trans-pacifico (tpp) prima che Trump si insedi, spiegando che il destino dell' intesa dipenderà dallo stesso Trump e dai deputati repubblicani. Lo riferiscono fonti dell'amministrazione, aggiungendo che Obama tenterà di spiegare la situazione ai leader degli altri 11 Paesi firmatari della partnership la prossima settimana in Perù, quando parteciperà ad un summit regionale

Donald Trump ha iniziato a lavorare alla composizione della sua squadra di governo. «Giornata piena in programma a New York. Presto prenderemo alcune decisioni molto importanti riguardo alle persone che guideranno il governo!», riporta l'account Twitter del presidente eletto, sul quale compare anche un omaggio ai veterani che hanno servito nelle Forze Armate Usa, in occasione del Veterans Day. Tra le persone che sono state viste entrare nella Trump Tower stamattina figurano Stephen Bannon, capo della campagna di Trump, l'ex manager della campagna Corey Lewandowski e l'ex sindaco di New York, Rudolph Giuliani.

Trump nel frattempo tende la mano ai manifestanti che in molte città americane stanno protestando contro di lui. «Ci uniremo tutti e ne saremo orgogliosi», ha scritto su Twitter. «Amo il fatto - ha aggiunto il neopresidente - che i piccoli gruppi di manifestanti la scorsa notte abbiano mostrato passione per il nostro grande Paese». 

Diverse ore fa, dopo l'incontro alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama, Trump in un tweet aveva invece affermato: «Ho appena vinto un'elezione presidenziale molto aperta. Ora i manifestanti di professione, incitati dai media, stanno protestando. Molto scorretto!». L'inversione di marcia di Trump, sottolineano alcuni media Usa, riflette le tensioni emerse durante la campagna elettorale con alcuni membri del suo staff, che con fatica hanno tentato di costringere il tycoon a moderare i toni.​

Sono oltre 200 gli arresti fatti dalla polizia nella seconda notte consecutiva di proteste. A Los Angeles sono finite in manette circa 185 persone, in gran parte per aver bloccato le strade. Un'altra trentina sono state arrestate a Portland, Oregon, teatro di diversi atti vandalici.
Venerdì 11 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2016 00:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 44 commenti presenti
2016-11-11 21:51:58
Junker : buffone e pagliaccio . Un politico di un Paese che nn conta nulla . Ti spazzeremo viene e verrai messo sotto processo!!!!
2016-11-11 21:47:51
massoni, guerrafondai, agenzie di rating, mangiapane a uffo, politicamente corretti, calergiani e chi più ne ha più ne metta stanno perdendo il senno...dopo aver perso la poltrona degli usa sono nel panico e scatenano le piazze dei "democratici".
2016-11-11 21:07:17
bene mi piace, finalmente l'era dell'inerzia e dei saprofiti compiti, (protesi a favorire I loro interessi e poc'altro), si sta concludendo. Azione then...!
2016-11-11 20:44:38
Ai tanti trumpiani de noantri manca solo un Trump, o niente niente pensano di averlo già? *** (; - BdV/Anchise
2016-11-11 20:13:43
Ehhh siamo gà ai moniti! Mister Tressette, pardon, Briscola è stato eletto da meno di quarantotto ore e già si sente padrone del vapore.
44
  • 27
QUICKMAP