Usa 2016, il Ku Klux Klan organizza una parata per celebrare la vittoria di Donald Trump

di Federica Macagnone
Mentre l'America si sveglia tra le proteste degli americani che non si sentono rappresentati dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il Ku Klux Klan è tornato a far sentire la sua voce: i suprematisti bianchi stanno preparando per il 3 dicembre una parata in North Carolina per la vittoria del tycoon. L'annuncio della “Victory Klavalkade Klan Parade” compare sulla home page dei Loyal White Knights of KKK (I leali cavalieri bianchi del KKK), senza però specificare l'ora e la città della manifestazione.

«Trump’s race united my people», la campagna di Trump ha unito il mio popolo, recita la chiamata a raccolta del “Klan” su Internet, giocando con il doppio significato della parola “race”, ovvero “corsa” e “razza”. L'organizzazione aveva espresso il suo sostegno per Trump prima del voto, anche se la campagna del miliardario repubblicano aveva preso le distanze. In particolare l'ex leader del gruppo razzista, David Duke, aveva lodato più volte il miliardario newyorchese.

Durante i mesi di campagna elettorale, il tycoon aveva a più riprese incendiato le masse puntando il dito contro immigrati e musulmani: adesso la paura è che le sacche razziste e i gruppi xenofobi prendano piede segnando una spaccatura ancora più profonda negli Stati Uniti. Non è un caso che, subito dopo l’annuncio dei risultati delle presidenziali dell’8 novembre, David Duke aveva ricordato su Twitter il sostegno del movimento al candidato repubblicano: «Questa è una delle notti più emozionanti della mia vita» aveva scritto su Twitter l'ex leader sottolineando: «Non sbagliate, la nostra gente ha avuto un ruolo enorme nell'elezione di Trump».
Venerd├Č 11 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 15:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2016-11-11 17:33:44
White lives matter.
2016-11-11 17:02:17
Saranno 4 gatti. In un paese libero ognuno può esprimere le proprie simpatie, anche se non ricambiate. Ad esempio la sconfitta della Clinton ha scatenato altri estremisti. Tuttavia non penso che ciò le sarà addebitato. Sarebbe comunque bello che immediatamente se ne dissociasse pubblicamente.
2
  • 299
QUICKMAP