Pandemia, crescono i ricoverati a Belcolle: la Asl riapre Medicina Covid e assume altri 8 infermieri

Belcolle
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Gennaio 2022, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 20:12

A Belcolle riattivate la palazzina Covid e la Medicina Covid. Il reparto era stato chiuso prima dell’estate a seguito della riduzione drastica della curva pandemica, con conseguente dismissione dei posti letto dedicati.

Ma adesso i numeri non consentono di soprassedere: la Asl è stata costretta a mettere mano al piano di riorganizzazione dei servizi che era pronto in un cassetto da settimane, da tirar fuori qualora il Covid-19 tornasse a circolare con particolare virulenza. Ed è così che i vertici della Cittadella hanno ridisegnato alcuni reparti, spostandoli in maniera da rispondere alla crescente domanda di ospedalizzazione a causa della pandemia.

Dapprima, Malattie infettive si è allargata fino ad occupare gli spazi del day hospital oncologico che dal blocco D è stato spostato nel corpo centrale di Belcolle. Di fatto, quindi, i due piani a sinistra del blocco principale sono ora occupati interamente dai pazienti affetti da coronavirus. Al tempo stesso, la Asl ha dovuto riattivare anche la Medicina Covid, posizionata al sesto piano dove sinora c’era il day hospital di Medicina. 

Il numero dei ricoveri proprio ieri è arrivato a 42: 33 pazienti si trovano nel reparto di Malattie infettive, 4 nella Terapia intensiva, 5 a Medicina Covid. Numeri che, se paragonati alla terza ondata, risultano ben più bassi ma che pesano comunque in maniera importante su Belcolle, tanto da spingere la Asl a rivedere l’organizzazione dell’ospedale. Al tempo stesso, però, l’azienda continua a investire sulle risorse umane: assunti 8 infermieri a tempo determinato per fronteggiare l’emergenza epidemica. Altri 24 (dei quali uno ha dato le dimissioni) avevano firmato il contratto nei giorni scorsi. Il totale degli infermieri assunti nel giro di un paio di settimane arriva quindi a 31. 

Intanto, ieri il totale dei positivi presenti in provincia è arrivato a 7.804, considerando i 629 nuovi casi e i 344 guariti di ieri. Gli ultimi contagiati si sono concentrati nei seguenti comuni: 164 a Viterbo, 37 a Vetralla, 32 a Civita Castellana, 28 a Tarquinia, 27 a Orte, 24 a Fabrica di Roma, 23 a Soriano nel Cimino, 21 a Ronciglione, 18 a Montefiascone, 17 a Sutri, 16 a Nepi, 15 a Capranica e Montalto di Castro, 13 ad Acquapendente, Canino, Caprarola e Tuscania, 11 a Bagnoregio, 10 a Grotte di Castro. I restanti 36 comuni colpiti hanno contato tra gli 8 e un solo caso pro-capite.

La fascia d’età più coinvolta risulta quella degli under18 che ha contato 130 positivi, dei quali 69 hanno meno di 12 anni. Seguono i 126 casi tra i 19 e i 30 anni, 120 tra 31 e 40, 68 tra 41 e 50, 103 tra 51 e 60, 82 over60. Tre tra gli ultimi contagiati hanno subito avuto bisogno di un ricovero in ospedale. Resta alto il numero dei tamponi effettuati (tra antigenici e molecolari): 1.974 nelle ultime 24 ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA