Viterbo, la protesta dei forconi
da Orte si sposta nel capoluogo

Viterbo, la protesta dei forconi da Orte si sposta nel capoluogo
di Federica Lupino
2 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Gennaio 2014, 18:47 - Ultimo aggiornamento: 20:26

VITERBO - Da Orte a Viterbo per consegnare tutte le lamentele al prefetto Antonella Scolamiero.

Il coordinamento 9 dicembre di Orte – non chiamateli Forconi, che si arrabbiano – ieri mattina ha invaso il

capoluogo. Una quarantina dei manifestanti che da settimane presidiano l’uscita dell’autostrada di Orte, sono arrivati armati di bandiere e trattori fino a piazza del Comune.

“Siamo stai ricevuti dal prefetto e le abbiamo consegnato – spiega Roberto Mazzilli, agricoltore e dimostrante della prima ora – una lettera con le nostre lamentele e proposte. Si è impegnata a inoltrarle al Governo”. Intanto, resta attivo il presidio a Orte tutti i giorni dalle 8 alle 20.

“Salvo – aggiunge Mazzilli – le manifestazioni che organizzeremo in giro per la provincia. Lunedì ci incontreremo e stileremo un calendario delle iniziative”. Ieri, dopo l’incontro in prefettura, i manifestanti si sono spostati al Corso e a via Genova per protestare fuori da due istituti di credito.

“Continueremo le nostre azioni a oltranza finché – dice – non se ne andranno tutti quelli che ora amministrano in Italia”.