Viterbese sconfitta 3-2 ad Olbia. Tanti i campanelli d'allarme

Mister Alessandro Dal Canto
di Paolo Graziotti
3 Minuti di Lettura
Domenica 12 Settembre 2021, 22:36 - Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 11:16

L'agonia gialloblù continua. La Viterbese esce sconfitta per 3-2 ad Olbia dopo aver giocato una brutta partita, nonostante l'illusione rappresentata dai due lampi di Volpicelli e D'Ambrosio. La squadra di Dal Canto ha mostrato di nuovo i soliti difetti di fabbrica, reparti scollegati fra di loro, contrasti costantemente persi con gli avversari, poco agonismo e meno velocità rispetto all'altra squadra visto che l'Olbia ha corso nettamente di più per tutta la gara.

Per la terza partita consecutiva inoltre, i gialloblù hanno nuovamente incassato tre reti e tutto ciò a conferma della fragilità della difesa. I cambi apportati da Dal Canto sia in questo reparto, che a centrocampo, non hanno sortito infatti gli effetti sperati, visto che gran parte giocatori impiegati hanno mostrato di essere ancora in ritardo di condizione. Emblematico il caso di Martinelli, che in più di un'occasione è stato superato da Udoh fino ad arrivare al fallo da ultimo uomo che ne ha poi decretato l'espulsione all'inizio della ripresa.

Andrea Errico non è sembrato invece a suo agio nel ruolo di trequartista è molto spesso è stato avulso dal gioco. La formazione gialloblù ha creato qualche azione offensiva solo grazie a giocate individuali. La Viterbese è abituata a costruire dal basso ma, come è successo anche in occasione delle partite passate, il centrocampista che riceve palla viene subito pressato dagli avversari. Così, alla fine del primo tempo, la squadra gialloblù perde palla in uscita e l'Olbia manda in rete Udoh dopo un traversone dalla corsia laterale.

È questo il meritato pareggio degli isolani, dopo che la Viterbese si era illusa grazie ad un bel gol su punizione da parte di Volpicelli all'inizio della gara. Nella ripresa la musica non cambia e lo scatenato Udoh porta di nuovo l'Olbia in vantaggio. Un paio di minuti più tardi e ancora la punta sarda a costringere Martinelli al fallo da ultimo uomo con la Viterbese che resta in dieci. Ora però, l'Olbia cala la pressione e, a metà della ripresa dopo aver conquistato il primo angolo della partita, la Viterbese trova il pareggio con un colpo di testa di D'Ambrosio.

Nonostante l'inferiorità numerica, ora la squadra gialloblù sembra poter controllare la gara. Tanto che Dal Canto inserisce anche Capanni per provare a vincere. Ma proprio nel finale a segnare il gol vittoria è l'Olbia grazie al trequartista Biancu. Che ha tutto il tempo di aggiustarsi il pallone in area prima di battere a rete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA