La crisi delle aziende turistiche: la viterbese Webus nel pieno della bufera.«I nostri pullman fermi in garage»

La crisi delle aziende turistiche: la viterbese Webus nel pieno della bufera.«I nostri pullman fermi in garage»
di Marco Gobattoni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Maggio 2020, 15:35 - Ultimo aggiornamento: 30 Maggio, 10:02

La filiera del turismo è stata la prima a chiudere e sarà l’ultima a ripartire. Questo il mantra che circola nelle chat roventi e preoccupate degli addetti ai lavori di un comparto che in Italia rappresenta una bella fetta di pil. L’orizzonte è cupo: all’interno del settore turismo operano anche le compagnie di pullman e bus turistici che da gennaio stanno attraversando un mare in tempesta. Con sede operativa a Celleno opera la WeBus Travel, azienda di pullman che l’ottanta per cento del fatturato, circa un milione e mezzo di euro, lo genera con viaggi organizzati e in arrivo dall’oriente. Luca Gasparri, dal 1996 lavora nel settore e dal 2014 ha fondato una ditta tutta sua: dieci dipendenti e otto mezzi tutti Euro 5 ed Euro 6 pronti a percorrere chilometri in Italia ed in Europa per trasportare turisti ansiosi di scoprire le bellezze del nostro paese: da marzo buio totale.
«Noi lavoriamo molto con tour operator cinesi e giapponesi – racconta Gasparri – e la bufera in arrivo abbiamo iniziato a sentirla nei mesi di gennaio e febbraio: il nostro fatturato, in quei mesi, è calato del sessanta per cento; mentre da marzo del cento. Ho dieci dipendenti in cassa integrazione e molti di loro non hanno ancora visto un soldo: fino a quando ho potuto ho dato fondo a 42 mila euro di risparmi aziendali, ma con otto pullman che valgono un milione e trecentomila euro fermi in garage non so quanto posso resistere».
Come detto la ripartenza si annuncia lontana e piena di incognite. «Abbiamo sentito gli effetti della crisi per primi e ne usciremo per ultimi. In questo lasso di tempo però, bisognerà vedere quante aziende resteranno in piedi. La cassa integrazione copre fino a giugno, poi in base all’ultimo decreto può essere riattivata a fine agosto: le ditte fino a quel mese non possono licenziare; ma a luglio e agosto chi li paga i dipendenti se non abbiamo modo di fatturare?».
Gasparri non vuole licenziare anzi, i suoi dipendenti sono la prima preoccupazione appena apre gli occhi la mattina.
«Sono giorni difficili per tutti e lo capisco, ma lo scorso anno tra contributi e tasse la mia azienda ha versato 150 mila euro nelle casse dello Stato. Servono consistenti aiuti a fondo perduto non tarati su un singolo mese, ma sull’intero anno visto che per il nostro settore il 2020 sarà a fatturato quasi zero. Ristoranti e bar, pur tra mille difficoltà, hanno un orizzonte davanti: noi fino ad ottobre prossimo abbiamo tutte le prenotazioni annullate ed inoltre, entreremo nel periodo di bassa stagione e con i leasing dei pullman che riprenderanno a correre visto che sono stati sospesi soltanto fino a settembre». I primi a chiudere gli ultimi a ripartire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA