Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Decreto Salvini, i migranti finiscono per strada

Decreto Salvini, i migranti finiscono per strada
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Novembre 2018, 12:17 - Ultimo aggiornamento: 18:46

«Dove andiamo a dormire? Ce lo chiedono in tanti. La verità è che ora molte persone finiscono per strada». Alessandra Capo, direttore Arci solidarietà di Viterbo, ha letto l'allarme lanciato da Fortunato Mannino (il segretario Cisl), sull'accoglienza dei migranti. E non solo lo condivide ma, addirittura, lo rafforza: «Dal 5 ottobre è iniziato un via vai continuo di giovani, donne con bambini, ma anche portatori di handicap che si sono ritrovati senza alcun tipo di aiuto. E noi non abbiamo più gli strumenti per dare loro risposte», denuncia.

In quella data è entrato in vigore il decreto Salvini su sicurezza e immigrazione. Un passo indietro: ieri Mannino aveva chiesto alle istituzioni di convocare un tavolo con Prefettura, Comuni, imprese e coop sociali, associazioni per tamponare localmente gli effetti del provvedimento. Per il segretario della Cisl, infatti, sono circa 300 gli operatori (tra psicologi, pedagoghi, mediatori culturali, interpreti), che perderanno il posto per i tagli al sistema di prima e seconda accoglienza decisi dal Governo. Non solo, con il decreto metterebbe a rischio anche il modello di integrazione. Quadro che trova conferma nella testimonianza di Arci.

«La protezione per motivi umanitari spiega Capo non è più contemplata come requisito per accedere agli Sprar. Chi, come noi e la Caritas, ha uno sportello sa cosa significa: le persone vengono a chiederci un tetto. Ma noi non possiamo che segnalare al numero verde del servizio centrale Sprar queste situazioni, perché non abbiamo più fondi per la presa in carico». Nella seconda accoglienza, quella che finora ha dato una risposta ai rifugiati, nel Viterbese sono coinvolti 11 Comuni che, tramite l'Arci, mettono a disposizione 156 posti. «Insufficienti già ora per offrire aiuto a tutti quelli che ne hanno bisogno. Con i tagli del decreto rileva sarà ancora peggio».

In settimana dallo sportello sono già partite quattro segnalazioni di casi gravi. Nell'ultimo mese, molte di più. Al momento i migranti esclusi dai Cas, una volta ottenuto lo status di rifugiato, non possono più accedere agli Sprar (anche per i posti insufficienti). Al massimo c'è un pasto alla Caritas.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA