Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, il primo caso sospetto nel Viterbese è negativo: dallo Spallanzani arrivano rassicurazioni

L'ospedale Belcolle
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Febbraio 2020, 16:16 - Ultimo aggiornamento: 20:28
Coronavirus, il primo caso sospetto nella Tuscia  è negativo. Dallo Spallanzani, in tarda serata, sono arrivate le rassicurazioni.
«Sono tutti negativi i test processati i presso l'istituto Spallanzani per il COVID-19 compreso quello sullo studente di Tor Vergata che si era presentato al pronto soccorso». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato.
Quindi per luomo originario del Lodigiano, da alcuni giorni in vacanza nel Viterbese che si era recato a Belcolle, allarme cessato. 

L'uomo si era presentato spontaneamente al pronto soccorso di Belcolle raccontando di essere residente nel Lodigiano dove al momento c'è un focolaio di Coronavirus. L'uomo sarebbe asintomatico.
La Asl di Viterbo ha immediatamente attivo il protocollo stabilito e in via precauzionale il paziente è stato trasferito allo Spallanzani.
I casi sospetti di infezione da nuovo Coronavirus a Roma e nel Lazio sono gestiti infatti in maniera centralizzata dall'Istituto Nazionale malattie infettive Spallanzani, che coordina ogni azione. Nella struttura i posti letto sono 155. Il trasporto dei pazienti viene effettuato seguendo la procedura definita con l'Istituto e Ares 118.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA